We want plates: la bizzarra ma seguitissima campagna sul web per abolire gli impiattamenti assurdi!

Impiattare bene è un’arte, perché è proprio dall’impiattamento, ossia dal modo di servire e disporre il cibo sul piatto, che comincia l’acquolina e l’assaggio “sensoriale” delle portate. Ma ci sono ristoratori che, credendo che il cliente voglia a tutti costi l’originalità, “osano” servire dei piatti dentro improbabili contenitori. C’è chi, e sono anche grandi chef, ha persino provato a servire gli stuzzichini in ombrelli rovesciati, chi invece ha optato per delle coppe a forma di scarpa, molto poco invitanti. Ma il teatro nell’assurdo, per impiattare in modo originale, offre stranezze ancora peggiori, come ad esempio pesci crudi serviti in una sorta di acquario e ciotole per cani riempite di pasta e carne. E che dire della lastra di ardesia, tristissimo modo per servire dolci e caffè, ma che purtroppo è ancora molto in voga?

ardesia

We want plates è nato da un’idea del fotografo Ross McGinnes, che – disgustato da questi impiattamenti – ha deciso di creare un account su Twitter per raccogliere tutti questi orrori. L’iniziativa è stata subito accolta da un numero impressionante di followers, che hanno cominciato a postare su We want plates tutte le assurdità proposte da alcuni ristoranti. Ad esempio, una delle tendenze del momento pare sia quella – ahimé – di servire il cibo direttamente sulle piastre, tipo placche da forno!

Insomma, chiedono solo dei piatti! Qualche ristoratore, che forse è incappato in We want plates, è arrivato a scrivere sul cavalletto, davanti al proprio locale, la scritta “Qui solo piatti”.

Essere originali a tutti i costi, specie quando si tratta un argomento delicato come il cibo, non sempre porta a dei grandi risultati, e il successo di We want plates lo dimostra.

Leggi anche: Impiattare bene è un’arte: i segreti degli chef per un piatto perfetto

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 30-09-2015


Risolì ha crato una nuova linea di prodotti

Un menù per Papa Francesco dopo il viaggio a Cuba e Usa