Il frutto zapote nero o black zapote ha la consistenza e il gusto del budino al cioccolato: curiosi di conoscerlo meglio?

Lo zapote nero è un frutto dal sapore molto dolce che si mangia con il cucchiaino: la sensazione è la stessa di mangiare del budino al cioccolato, sia per l’aspetto che per il gusto. La buccia del frutto è verde, ma una volta aperto il suo cuore è sorprendente, nero e dolcissimo.

È piuttosto difficile da trovare in Italia, poiché si tratta di un frutto che proviene dall’America Centrale, ma non è impossibile. Il black zapote, questo il suo nome anglosassone, viene venduto al prezzo di circa due euro al chilo. Scopriamo insieme meglio di cosa si tratta!

Zapote nero: il frutto al gusto di budino al cioccolato

Lo zapote nero ivene anche definito caco nero, perché assomiglia molto a quel frutto. La forma e la dimensione del frutto sono quelle di una mela: la sua buccia all’esterno è verde, ma quando si taglia il cuore è morbido.

Una volta aperto, infatti, si rimane a bocca aperta per il colore che va dal nero al marrone. La consistenza è morbida e appiccicosa e il gusto è proprio quello del budino al cioccolato.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Sapote nero
Sapote nero

Zapote nero: calorie e come mangiarlo

La bella notizia è che quando si mangia questo frutto la sensazione è quella di mangiare un dessert, senza però ingrassare. Inoltre, è molto ricco di vitamine A e C e ha poche calorie, si tratta di 45 kcal ogni 100 grammi di frutto.

È possibile mangiarlo così com’è, oppure si può utilizzare per preparare dei dolci, al posto del cioccolato. Infatti, è ideale per preparare torte, mousse, biscotti e frullati. Può essere spalmato sul pane e offerto ai bambini come merenda, poiché non è ricco di zuccheri: stiamo sempre parlando di un frutto, anche se non sembra vero!

Per chi è a dieta potrebbe essere una manna da cielo: è lo spuntino perfetto per placare la voglia di cioccolato (o di dolce) senza sensi di colpa!

Zapote nero: dove trovarlo?

Il suo paese d’origine è l’America Centrale ed è molto diffuso in paesi come Messico, Cuba, Guatemala e Repubblica Dominicana. La pianta da cui nasce è la Diospiros digyna, originaria appunto di Messico e Guatemala.

Già i Maya la conoscevano e la coltivavano: per loro era l’albero del cioccolato, anche se non ha nulla a che vedere con la pianta che oggi ci dà il cacao (Theobroma cacao).

Da noi è abbastanza difficile da trovare, ma se siete fortunati potreste trovarlo in qualche negozietto etnico o biologico. In alternativa, su Amazon potete acquistare i semi e tentare la coltivazione in casa.

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 16-09-2018


Table for U: il ristorante sociale dove porti il cibo da casa e mangi gratis!

Dormire in una casa di cioccolato: il dolce sogno diventa realtà!