Ingredienti:
• 500 g di carne di vitello
• 500 g di carne magra di maiale
• 300 g di testina di maiale
• 2 zampini di maiale
• 4 foglie di alloro
• 2 bustine di zafferano
• sale q.b.
difficoltà: media
persone: 6
preparazione: 60 min
cottura: 180 min

Ingredienti e ricetta per preparare la zeraria, un piatto invernale e tipico della Liguria perfetto da servire anche nei giorni di festa.

La zeraria, conosciuta anche con il nome di zraria, è una gelatina lavorata e realizzata con un mix di carne di maiale e di vitello. Questo piatto è tipico dell’entroterra savonese e genovese e si prepara generalmente con l’aggiunta di zampetta e testina di maiale. La carne viene prima cotta e poi pressata in modo da ottenere un rotolo omogeneo che va fatto raffreddare e servito a fette.

Secondo la tradizione questa pietanza si prepara durante le festività natalizie e può essere servita con contorni a piacere.

10 ricette per tenersi in forma

Zeraria
Zeraria

Preparazione della zeraria alla ligure

  1. Per realizzare questo particolare piatto dovete dedicarvi subito alla carne: tagliate i vari pezzi di carne, pulite gli zampini del maiale e mettete, insieme alla testina, in una pentola capiente.
  2. Coprite con l’acqua calda, aggiungete l’alloro, lo zafferano e il sale poi fate cuocere almeno per tre ore.
  3. Trascorso il tempo di cottura scolate la carne cotta dal brodo, disossate gli zampini, pulite la testina e passate tutta la carne al macinacarne poi fate raffreddare.
  4. Avvolgete la carne nella pellicola trasparente per alimenti.
  5. Arrotolate in modo da formare una sorta di salame e pressate per bene. Mettete in frigorifero e lasciate riposare almeno per 10-12 ore.
  6. Trascorso questo tempo di riposo riprendete la carne, tagliatela a fetta e adagiatele su di un piatto.
  7. Distribuite sulla carne un po’ di brodo e mettete nuovamente in frigorifero in modo che si formi una sorta di gelatina.

In alternativa, vi consigliamo la carne in gelatina!

Conservazione

Consigliamo di conservare il secondo di carne per massimo 3-4 giorni in frigo, all’interno di un contenitore con apposito coperchio.

LEGGI ANCHE: Proviamo i cuculli liguri, le originali frittelle di ceci

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 17-11-2022


Cercate un secondo piatto facile e veloce? Provate il salmone al forno

Per gli amanti della pasta fresca, ecco le lasagne di pesce