Ingredienti:
• 600 g di calamari
• 100 ml di vino bianco secco
• 500 g di pomodori ramati
• 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
• 1 ciuffo di prezzemolo
• 1 spicchio d’aglio
• 4 fette di pane casereccio
• 1 peperoncino
• sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 20 min
cottura: 50 min
kcal porzione: 190

I calamari in umido sono una ricetta semplice ma di grande effetto, perfetta per portare in tavola un piatto profumato e invitante.

La ricetta dei calamari in umido è perfetta se state cercando un secondo piatto di pesce facile da fare ma al tempo stesso molto gustoso. Si tratta di una preparazione dove i calamaretti vengono impreziositi da un intingolo che invita golosamente alla scarpetta!

L’unica difficoltà di questa ricetta sta nella pazienza di attendere che i calamari siano cotti! Devono essere ben teneri, e perché lo siano, i calamari devono essere cotti per molti minuti. In questa ricetta dei calamari al sugo è importante una cosa: se non fossero ancora cotti e il sugo tendesse ad asciugarsi, aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda!

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Calamari in umido
Calamari in umido

Come cucinare i calamari in umido

  1. Mettete sul fuoco una pentola colma d’acqua e portatela a bollore. Lavate i pomodori ramati ed eseguite con un coltello sul loro fondo una leggerissima incisione a croce. Dovete solo intaccare la buccia. Quando l’acqua bolle, aggiungete i pomodori e toglieteli con una schiumarola dopo trenta secondi.
  2. Ora che li avrete resi molto facili da spellare, cominciate proprio dall’incisione e rimuovete la buccia. Tagliateli a quarti, eliminate la parte acquosa con i semi e tritatene la polpa, infine metteteli da parte.
  3. Lavate il calamaro sotto acqua corrente e, se già non fatto dal pescivendolo, pulitelo eliminando le interiora e il becco. Tagliate la sacca ad anelli e i tentacoli in due o più pezzi secondo la grandezza del calamaro.
  4. Versate l’olio in una pentola o in un’ampia padella e versatevi l’olio, lo spicchio d’aglio sbucciato e tritato finemente e il peperoncino, intero o tritato a seconda che vogliate eliminarlo alla fine della cottura o mantenerlo.
  5. Aggiungete i calamari e fateli saltare per 3-4 minuti girando spesso. Versate il vino e alzate il fuoco in modo da farlo rapidamente sfumare per 1-2 minuti.
  6. È il momento dei pomodori, versateli nella padella e girate. Quando riprende il bollore, abbassate il fuoco e fate sobbollire leggermente per 15-18 minuti. Regolate di sale e di pepe. Se l’avete lasciato intero, eliminate il peperoncino. Verificate la cottura dei calamari: devono essere ben teneri e i tempi possono variare secondo la loro grandezza e consistenza.
  7. Lavate le foglie di prezzemolo, asciugatele con della carta assorbente da cucina e tritatele finemente. Aggiungetele alla preparazione quando manca solo un minuto alla cottura perfetta dei calamari. Spegnete e servite caldi accompagnati dalle fette di pane abbrustolite in forno a 180°C per cinque minuti.

Per altre idee, scoprite tutte le nostre ricette con calamari e provate anche le seppie con piselli, è un piatto che vi stupirà!

Le varianti dei calamaretti in umido

Ed eccoci a raccontavi, in poche righe, le altre ricette per preparare gli anelli di calamari in umido (o i ciuffetti). Potete, molto semplicemente, preparare dei calamari in umido in bianco: vi basterà tritare molto finemente il prezzemolo e metterlo a cuocere in pentola con un filo abbondante di olio, poi aggiungere i calamari, sfumarli con il vino bianco e farli cuocere sempre per circa 30-40 minuti con il coperchio e a fiamma molto bassa. Fate attenzione che non siamo mai asciutti quindi aggiungete al bisogno acqua calda.

Non c’è solo questa variante della ricetta. Potete preparare infatti i calamari in guazzetto rosso, e quindi al pomodoro, anche aggiungendo a piacere i piselli e/o le patate. Fate cuocere tutto insieme in padella con il pomodoro, sempre facendo attenzione che il guazzetto non si asciughi troppo.

In ultimo potete provare anche una ricetta simile per la cottura e l’ingredienti principale, ma totalmente diversa nel gusto: i calamari ripieni in umido. Non tagliate la sacca a listarelle ma lasciatela intera e farcitela con un ripieno composto dai tentacoli fatti saltare in padella con un filo d’olio, pangrattato, aglio, prezzemolo e, a piacere, un tuorlo d’uovo per legare bene il tutto (che però piò essere omesso e sostituito con una vinaigrette di olio e limone emulsionati). Richiudere le sacche dei calamari con uno stuzzicandenti e metteteli in pentola con i pomodori.

Conservazione

Conservate i calamari in umido all’interno di un contenitore ermetico per circa 2 giorni; all’occorrenza, riscaldateli in padella.

Se vi è piaciuta la ricetta dei calamari in umido, scoprite il video della preparazione.

1.5/5 (2 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 24-01-2022


Petto di pollo alla salvia: la ricetta light ma con gusto

Bastani, l’antico gelato persiano in tavola