Come sbianchire la pasta fresca

Come preparare della pasta fresca perfetta, pronta e a disposizione per ogni evenienza? Basterà sbianchirla! Scopriamo cosa significa e come si fa.

chiudi

Caricamento Player...

Che siano tortellini o ravioli, la loro preparazione è una delle tecniche di cucina più complesse da apprendere ed è frutto di tanta pratica. Per questo, una volta realizzati, risulta fondamentale non alterarne le caratteristiche nelle fasi successive di riposo e di cottura. La sbianchitura della pasta fresca ci viene in aiuto in questo senso.

In cosa consiste la sbianchitura della pasta

Essa è una tecnica di cucina che consiste nella sua pre-cottura e che permette di conservare la sua forma intatta durante la conservazione e la cottura bloccando i suoi processi di essiccazione (esterno) o di ammorbidimento (del ripieno). In questo modo si eviterà di mangiare una pasta cotta in modo poco uniforme o del tutto priva della forma estetica desiderata. Questa tecnica ci permette anche di preparare in anticipo la pasta fresca e di utilizzarla quando ne abbiamo bisogno. Scopriamo come fare!

Come sbianchire la pasta fresca

Sbianchire la pasta è un processo piuttosto facile. Basterà seguire i semplici passaggi spiegati qui di seguito. Prima di tutto mettere una pentola abbastanza capiente sul fornello e portare a bollore l’acqua salata. A questo punto basterà buttare la pasta (poca per volta) nell’acqua bollente. Nona appena salirà a galla dovremo toglierla con l’aiuto della schiumarola. Prendere un vassoio o un piano da cucina pulito e posizionare la pasta su di essi ad asciugare. Se dovesse fuoriuscire troppa acqua procedere ad asciugarla manualmente con l’aiuto di carta assorbente. Girarla ogni tanto per evitare che si attacchi. Aspettare che si asciughi del tutto.

A questo punto sarà sufficiente posizionarla in una terrina aperta e posizionarla in frigorifero.

sbianchitura

Come si conserva la pasta sbianchita

La pasta fresca sbianchita si potrà conservare in frigorifero per 3 o 4 giorni senza che se ne alterino i valori nutritivi o le caratteristiche organolettiche. Attenzione però! Non bisogna chiuder la pasta in contenitori o pellicole perchè essa avrà bisogno di “respirare” quindi di aria. Se dovesse venire meno l’aria, la pasta potrebbe sviluppare delle muffe nocive per l’organismo.

Curiosità sulla sbianchitura della pasta

L’operazione di sbianchire non avviene solo per la pasta fresca ma anche per alimenti come carne, pesce e ossa per fondi che devono essere puliti da eventuali impurità e da tutte le loro sostanze grasse. In questo caso la tecnica non sarà effettuata a caldo ma a freddo. Basterà prendere una ciotola, versare all’interno l’ingrediente da sbianchire e lasciarlo sotto l’acqua corrente per il tempo necessario. Sarà pronto quando l’acqua sarà totalmente limpida.

FONTE FOTO: Pixabay

 

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!