Radice dal gusto pungente, da mangiare fresca o secca come bruciagrassi naturali. Scopriamo le proprietà del daikon e come usarlo in cucina.

Ortaggio di origine orientale, dall’aspetto di una bianca e grossa carota, il daikon è prodotto già da qualche anno anche in Europa. È un ingrediente molto versatile, ma questo ortaggio è conosciuto principalmente per le sue proprietà benefiche. Molto utilizzato nella cucina giapponese, la zuppa di miso è solo una delle tante ricette: il daikon è un ortaggio piuttosto utilizzato anche nella cucina indiana, cinese, coreana e vietnamita.

Daikon: proprietà e abbinamenti

Il consumo del daikon è particolarmente consigliato per chi segue diete dimagranti per i suoi sali minerali (ferro, magnesio, calcio, potassio, fosforo), le vitamine (vitamine del gruppo B e vitamina C) e le fibre, che aiutano il nostro organismo ad eliminare le tossine e a regolarizzare l’intestino. Questa particolare radice è molto leggera e salutare dato che 100 grammi di daikon apportano soltanto 20 calorie al nostro organismo. Del daikon si consuma non solo la radice, ma anche i germogli: perfetti da consumare crudi e per stimolare il metabolismo. Il daikon è molto gustoso se cotto al forno insieme ad altre verdure condito semplicemente con erbe aromatiche e olio di oliva, ma può essere utilizzato per arricchire minestre e zuppe come contorno per secondi piatti a base di pesce. In alternativa potete abbinare questo ortaggio anche a cereali, verdure o legumi per un ottimo piatto unico.

Il daikon crudo, ad esempio può essere grattugiato e abbinato a carote, insalata novella, fave e mela verde per un’ottima e salutare insalata. Il daikon secco, invece, si trova nei negozi di alimentazione naturale, può essere abbinato a piatti di carne o di pesce e basta semplicemente farlo ammollare in acqua tiepida prima di utilizzarlo.

10 ricette per tenersi in forma

Daikon
https://it.pinterest.com/pin/171418329545730461/

Come cucinare il daikon

La radice del daikon ha un sapore simile a quello del ravanello, ma più dolce rispetto a quest’ultimo. La parte alta della radice può essere consumata cruda, ma anche a scaglie o grattugiata, o per arricchire centrifugati di frutta o verdura da bere durante le giornate più calde, mentre la parte bassa, dal sapore più piccantino, è perfetta cotta al vapore, brasata o saltata in padella.

Provatelo anche alla senape!

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/171418329545730461/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 28-06-2017


Come fare la senape: la ricetta classica e le sue varianti

Come fare i cubetti di ghiaccio colorati