Scopriamo come spremere un limone ottenendo tutto il suo succo e senza semini. Basterà seguire questi piccoli accorgimenti!

Riuscire a spremere un limone ottenendo tutto il suo succo, senza semini e senza spremiagrumi è una delle tante abilità che è bene avere per risparmiare tempo. Il succo del limone è uno dei principali ingredienti di tante gustose ricette, sia dolci che salate come ad esempio i bocconcini di pollo al limone. Le sue tante proprietà ed i suoi benefici lo rendono infatti adatto ad un’infinità di utilizzi: oltre che in cucina, il limone viene utilizzato sia a scopi terapeutici, sia per il benessere della pelle o ancora per la pulizia della casa.

Come spremere un limone senza semi ottenendo il massimo del suo succo

1- Lasciare il limone fuori dal frigo per almeno un’ora

Per lavorare al meglio il limone, è bene lasciarlo a temperatura ambiente. Questo perchè all’interno del frigorifero le sue membrane interne si restringono e si solidificano a causa delle basse temperature. Il tutto rende il limone molto più rigido. Basterà lasciarlo a  temperatura ambiente per qualche tempo (meglio se almeno per un’oretta) per riuscire a lavorarlo al meglio.

2- Scaldare il limone

Dopo averlo lasciato a temperatura ambiente, bisognerà scaldarlo. Per farlo si può decidere di utilizzare le mani e sfregarlo energicamente su tutta la sua superficie, oppure si può decidere di immergerlo in una bacinella riempita di acqua calda. Basteranno pochi minuti. Un altro metodo molto efficace è quello di scaldarlo nel microonde per 10-20 secondi senza rischiare di cuocerlo!

3- Strofinare il limone su un piano

Una volta riscaldato per bene, prendere il limone e posizionarlo su di un piano da lavoro o su di un tagliere. A questo punto procedere posizionando una mano sul lato lungo del limone e portarlo avanti e indietro sul piano. Ripetere per tre o quattro volte il movimento.

4- Il taglio del limone

Per ottenere più succo, a questo punto, bisogna procedere con il taglio. Per ottenere fino al 30% in più di succo, tagliarlo da una estremità all’altra, quindi dalla parte più lunga.

5- Togliere i semi

La maggior parte dei semi si concentra sulla parte centrale del frutto. Dopo averlo tagliato si può quindi procedere a togliere i semi in superficie, con l’aiuto di una forchetta.

6- L’estrazione del succo

Per estrarre al meglio il succo del limone senza spremiagrumi si consiglia l’utilizzo di una forchetta. Prenderla e inserirla nella polpa, in una delle due estremità e iniziare a schiacciare con forza tenendo il frutto (tagliato a metà) in una mano. Muovere la forchetta in circolo in modo tale da far uscire tutto il succo. Aiutarsi con la mano d’appoggio spremendo il frutto.

7- La conclusione

In conclusione, procedere a togliere gli ultimi semini, sempre con l’aiuto della forchetta o di un colino.

10 ricette per tenersi in forma

spremere limone

Le proprietà e i benefici del limone

Il limone è ricco di vitamina C, acido citrico, limonene e pinene oltre che di vitamina A, B, PP, fosforo e calcio. I suoi componenti lo rendono un frutto antiossidante in quanto svolge un importante azione contro i radicali liberi. E’ inoltre depurativo e disintossicante per l’organismo ed ha un effetto alcalinizzante, oltre ad essere ottimo contro l’acidità gastrica, la nausea ed il meteorismo.

FONTE FOTO: Pixabay

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 08-05-2017


Come fare l’olio al peperoncino

Come pulire e tagliare l’ananas a fette