Ingredienti:
• 500 g di Montasio
• 500 g di patate
• 200 g di cipolle
• 3 cucchiai di olio evo
• sale q.b.
• pepe q.b.
difficoltà: media
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 30 min
kcal porzione: 500

Il frico è una ricetta tradizionale del Friuli Venezia Giulia. A base di patate e formaggio, è un piatto povero davvero goloso. Scopriamolo insieme!

Se non avete mai sentito parlare del frico potete immaginarvelo come una sorta di frittata fatta di patate e formaggio. È un piatto tipico del Friuli, in particolare della Carnia, ed è stato inserito tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali Friulani e Giuliani. Originariamente il nome era Fricò, poi la lingua locale ha subito una contaminazione con quella italiana e ha perso l’accento.

Il frico friulano nasce come piatto povero per riciclare gli scarti dei formaggi. In realtà ne esistono due versioni: una fatta unicamente con il formaggio, friabile e simile a crostini, e l’altra morbida composta da patate, formaggio e cipolla. Quest’ultima viene servita solitamente in abbinamento alla polenta e se volete assaporare la bontà del piatto potete prepararlo a casa oppure recarvi alla Sagra del Frico.

La dieta depurativa per rimettersi in forma dopo le feste

Frico
Frico

Come preparare il frico con la ricetta originale

  1. La preparazione del frico è piuttosto semplice, tuttavia occorre prestare attenzione ad alcuni passaggi. Scopriamo insieme quali.
  2. Come prima cosa sbucciate la cipolla e affettatela finemente, in modo da ottenere degli anelli. In una padella scaldate due cucchiai di olio e rosolatela finché non risulterà tenera e traslucida.
  3. Nel frattempo sbucciate le patate e grattugiatele con una grattugia a fori grossi. Unitele alle cipolle e cuocete per 10 minuti.
  4. Rimuovete la crosta al formaggio (se non trovate il Montasio potete optare per un’altra varietà purché stagionata) e grattugiatelo come le patate. Unite in padella, regolate di sale e pepe e fate cuocere per circa 20 minuti in modo da far sciogliere il formaggio e ottenere una sorta di purè.
  5. A questo punto scaldate una padella antiaderente e oliatela. Versate il composto a base di patate e formaggio e allargatelo bene in modo da formare un disco. Cuocetelo a fiamma alta finché non si sarà formata una crosticina, quindi aiutandovi con un coperchio giratela a mo’ di frittata. Proseguite la cottura fino a formare una crosta anche sull’altro lato.
  6. Servite il frico caldo, accompagnato da polenta e speck, accertandovi di rimuovere eventuale unto in eccesso prima di servirlo.

Conservazione

Noi consigliamo di consumare il vostro frico al momento, quando è ancora caldo e croccante. Potete tuttavia conservarlo per massimo 1 giorno in frigorifero ben coperto dalla pellicola trasparente. Sconsigliamo la congelazione in freezer.

0/5 (0 Reviews)

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 26-03-2020


Facciamo i pop corn (buoni come al cinema)

La ricetta del pane senza glutine di mais