Un immobile che ha fatto sognare milioni di famiglie (e i loro bambini) in vendita: va all’asta il Mulino Bianco della Barilla.

Il Mulino Bianco all’asta. Proprio così, il casolare più amato dalle famiglie di tutta Italia e del mondo intero sta per essere venduto al migliore offerente, e chissà cosa succederà dopo. L’immobile, scelto da parecchi anni per diventare il volto della ditta italiana di prodotti da forno, ritratto anche nel logo, si trova nel comune di Chiusdino in provincia di Siena, ed è stato protagonista di tantissime scene che possono essere annoverate nella storia del marchio.

All’asta il Mulino Bianco

Una notizia pubblicata da La Nazione conferma che il Mulino Bianco a ottobre 2021 andrà all’asta, questa la decisione del tribunale, mentre le offerte possono arrivare all’Istituto vendite giudiziarie di Siena fino a fine settembre 2021. La cifra di partenza? Inizialmente la base d’asta era di 1 milione e 100 mila euro, poi scesa a 831 mila euro.

Mulino Bianco
Fonte foto: https://www.facebook.com/MulinoBianco

Il mulino di Chiusdino, vicino all’abbazia di San Galgano, era, prima di essere scelto da Barilla negli anni Novanta per gli spot della Mulino Bianco, un casolare in disuso e assolutamente poco conosciuto. Pare però che, dopo la prima pubblicità a tema dell’azienda, sia diventato famosissimo e meta turistica di tantissime famiglie. Tutti si recavano a Chiusdino solo per fare una foto davanti all’immobile e diventare una famiglia perfetta o, per meglio dire, della Mulino Bianco.

La multinazionale Barilla non ha mai acquistato il mulino, divenuto negli ultimi anni un agriturismo, e chissà cosa diventerà dopo l’asta.

Lo spot della famiglia felice e le altre pubblicità che hanno fatto la storia

Lo spot che rese celebre la location è sicuramente quello del 1990 girato da Giuseppe Tornatore con le musiche di Ennio Morricone: lo sport della “famiglia felice” che portò fama all’azienda e al mulino.

Ma non fu l’unico spot e iniziativa a fare la storia dei creatori di tantissimi biscotti e brioches come i buonissimi abbracci, o i pan di stelle, i cuor di mela, i pan goccioli e molti altri ancora!

Il primissimo esordio in televisione è stato nel tanto amato Carosello: in occasione del lancio dei loro biscotti hanno presentato una mamma che raccontava delle filastrocche alla figlia, in sottofondo un motivetto suonato con il flauto che divenne il biglietto da visita della Mulino Bianco.

Negli anni 2000 invece, dopo la famiglia felice del mulino, la comunicazione cambia e rimangono nella storia due momenti passati in televisione. Esattamente nel 2000 i biscotti Mulino Bianco diventano protagonisti negli spot che raccontano le favole più famose della storia (con Cenerentola, Biancaneve, Alice ecc). Nel 2006 invece non potrete certo dimenticare la pubblicità con il bambino che immagina la sua cucina invasa dagli “uomini della farina” che preparano tutta la notte golose leccornie.

E come dimenticare lo spot tanto chiacchierato della gallina Rosita e del mugnaio interpretato da Antonio Banderas?! Lo spot (e altri sempre in tema) è stato mandato in onda nel 2012.

Fonte foto: https://www.facebook.com/MulinoBianco


Alla scoperta del fantastico (e caldissimo) mondo dei peperoncini piccanti

Nespresso x Chiara Ferragni: il temporary caffè che Milano aspettava