Le nacatole dalla tradizione carnevalesca calabrese

Le nacatole sono un dolce benaugurale che arriva dalla antica tradizione calabrese.

chiudi

Caricamento Player...

Consumate le nacatole a fine pasto accompagnate dai vini liquorosi locali o per i bimbi a colazione con il latte, saranno squisite.

DIFFICOLTÀ: 2

COTTURA: 30′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 120′

INGREDIENTI NACATOLE CALABRESI per 4 persone

  • 1 kg di farina
  • 5 uova intere
  • 120 g di zucchero
  • 25 g di lievito di birra
  • olio di oliva
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 limone
  • latte
  • olio di semi per friggere
  • sale q.b.

Le nacatole dalla tradizione carnevalesca calabresePREPARAZIONE NACATOLE CALABRESI

Prendete mezzo bicchiere di acqua calda, aggiungete un cucchiaino di zucchero e fate sciogliere il lievito. In una terrina disponete 250 g di farina a fontana facendo un buco al centro e, quando l’acqua con il lievito comincerà a fare un po’ di schiuma, incorporatela alla farina impastando inizialmente con una forchetta e poi con le mani.
Quando l’impasto sarà ben compatto, preparate un panetto e ponetelo coperto in luogo caldo a lievitare.

Mettete la restante farina sulla spianatoia sempre a fontana con buco al centro e ponete in questo preciso ordine questi ingredienti: zucchero, uova, olio, vino, 1 pizzico di sale e la buccia grattugiata del limone. Procedete mescolando quindi il tutto e, successivamente, unite il panetto lievitato e continuate a lavorare l’impasto con le mani, fino a quando i due composti non saranno ben assorbiti.

Fate attenzione occorre lavorarlo per un bel po’. Se fate fatica potete aggiungere un goccio di latte, senza esagerare, fino a quando la pasta non risulterà ben levigata e morbida. Quindi lasciatela riposare per qualche minuto.

Dopo che avrà riposato ricordatevi di rimpastarla ancora un poco e cominciate a formare dei filoncini non molto lunghi e non troppo spessi con poco impasto alla volta. Chiudete l’estremità di ogni singolo filoncino formando una ciambellina e disponetele su un canovaccio, copritele e lasciatele riposare in luogo caldo.

Ponete sul fuoco una pentola con abbondante olio e procedete a friggere le ciambelle avendo cura di girarle. Disponetele poi su un piatto con della carta assorbente in modo tale che l’olio in eccesso venga asciugato.

Cospargetele con zucchero semolato e servite calde.

A carnevale non si scappa dal fritto. Ecco una carrellata di dolci: “Dolci fritti di Carnevale: 5 ricette per un menù di baldoria“.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!