Ingredienti:
• 600 g di carne di manzo (cappello del prete)
• 500 ml di olio extravergine di oliva
• 500 ml di acqua
• mezzo bicchiere di vino bianco
• 1 spicchi d’aglio
• 1 gambo di sedano
• 1 carota
• 1 cipolla
• 50 g di pangrattato
• 50 g di formaggio grattugiato
• sale e pepe q.b.
• prezzemolo fresco q.b.
• 3-4 filetti di acciughe
• 1 cucchiaio di capperi
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 15 min
cottura: 180 min

Il manzo all’olio è uno dei secondi piatti sfiziosi di carne che potete servire la domenica. Ecco come prepararlo con la ricetta bresciana.

Il manzo all’olio è un prodotto tipico della cucina bresciana che prevede la cottura della carne in acqua e, appunto, olio. La ricetta più famosa è quella del manzo all’olio di Rovato, un paese della provincia di Brescia. Qui viene preparato seguendo paro paro la ricetta tipica e servendo poi il tutto con della polenta. E come poteva essere altrimenti?

Cucinare la carne all’olio vi permette di portare in tavola in pochi passaggi (anche se dobbiamo confessarvi che la cottura della carne è piuttosto lunga), una dei secondi piatti sfiziosi più buoni di sempre. Per farlo però procuratevi il giusto taglio di carne, ossia il cappello del prete che con la sua venatura centrale di grasso contribuisce a mantenere tenera la carne. Per il resto, dati i pochi ingredienti previsti dalla ricetta dell’arrosto all’olio, vi consigliamo di scegliere materie prime di qualità: saranno loro a fare la differenza.

Manzo all'olio
Manzo all’olio

10 ricette detox per tornare in forma

Come preparare il manzo all’olio con la ricetta originale

  1. Tritate finemente a coltello o con un mixer il sedano, la carota, la cipolla, le acciughe, i capperi, prezzemolo fresco a piacere e l’aglio privato dell’anima.
  2. Ora prendete una pentola e mettete il mix a soffriggere con con l’olio.
  3. Aggiungete la carne e fatela rosolare da tutti i lati, poi sfumatela con il vino bianco.
  4. Solo a questo punto, quando l’alcol sarà evaporato, versate acqua calda (o brodo), correggete di sale, lasciate che sfiori il bollore poi abbassate la fiamma e lasciate cuocere la carne in questo modo per almeno 2-3 ore. Consigliamo in questa fase di coprire la pentola con un coperchio provvisto di piccolo sfiato, per evitare di sporcare tutta la cucina.
  5. Una volta che il tempo è passato e il liquido si sarà ridotto di circa la metà, togliete la carne dalla pentola.
  6. Nella stessa pentola create la salsa, aggiungendo al liquido già presente il formaggio grattugiato, il pangrattato e pepe e a piacere.
  7. Mescolate bene e lasciate che si addensi ancora un attimo sul fuoco, se volete una salsina ancora più liscia frullatela con un minipimer a immersione..
  8. Servite la carne tagliata a fette con la sua salsa, prezzemolo tritato fresco e una porzione di polenta fatta in casa.

Noi vi consigliamo di consumare il manzo all’olio preparato il giorno prima: il modo migliore per rendere la carne saporita infatti e tagliarla a fettine e lasciarla immersa per un giorno nella sua salsa. Provare per credere! Inoltre, se questa ricetta vi è piaciuta, amerete sicuramente anche il nostro arrosto, magari accompagnato con un classico contorno di patate.

Ed ecco una videoricetta molto simile alla nostra preparazione, con meno olio, ma tanto sapore:

Conservazione

Il manzo all’olio si conserva in frigorifero per un paio di giorni. Vi consigliamo di scaldarlo in padella prima di consumarlo.

Origini del piatto

La Franciacorta è una regione ricca di risorse, con una varietà di sapori che si riflettono nei suoi piatti tradizionali.

Il manzo all’olio è un piatto tipico dell’entroterra della Franciacorta, specialmente del Comune di Rovato. Proveniente da una ricetta antica della cucina contadina, questo piatto continua a rappresentare il territorio e ad essere molto apprezzato. La chiave per preparare un manzo all’olio perfetto sta nella scelta degli ingredienti di alta qualità, in particolare nell’uso del “cappello del prete”.

4.5/5 (2 Reviews)

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 12-01-2024


Minestra di cicoria: la zuppa semplice e ricca di sapore

Latte brulè romagnolo: la ricetta del dolce a lenta cottura