Ingredienti:
• 150 g di taccole
• 50 g di pecorino
• 8 gherigli di noce
• 3 foglie di basilico
• ¼ di spicchio d’aglio
• olio extravergine d’oliva q.b.
• sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 2
preparazione: 10 min
cottura: 5 min

Avete bisogno di una ricetta facile e veloce da fare a casa? Provate il nostro pesto di taccole per dare un tocco di novità ai vostri pranzi!

Quanti tipi di pesto abbiamo assaggiato nella vita! Da quello al basilico, a quello al radicchio o alla trapanese… e quanti altri ancora ci aspettano. Il pesto di taccole è uno di questi! Ma cosa sono le taccole? Si tratta di “piselli mangiatutto”, quasi trasparenti e dal gusto molto delicato. In questa ricetta vengono frullati e arricchiti con noci e pecorino, in un vortice ricco di sapori e croccantezza.

Il periodo migliore per realizzare questo pesto va dalla primavera all’estate, quando le taccole saranno perfette per essere mangiate. Scegliete la trafila di pasta che preferite e abbinateci questo sugo per portare a tavola un primo originale e senza dubbio da ripetere. Un’ottima idea per il pranzo domenicale o per festeggiare qualche avvenimento in compagnia delle persone che amate con questo gustoso piatto!

10 ricette per arrivare pronti alla prova costume

Pesto di taccole
Pesto di taccole

Preparazione della ricetta del pesto di taccole

  1. Lavate le taccole sotto acqua corrente ed eliminate le estremità.
  2. Fatele sbollentare per 5 minuti in una pentola con acqua bollente.
  3. Immergete le taccole in acqua fredda per fermare la cottura e mantenere il colore vivo.
  4. Scolatele e mettetele nel mixer insieme al pecorino, i gherigli di noce, il basilico, l’aglio e un pizzico di sale.
  5. Frullate il tutto e aggiungete a filo quanto olio serve per ottenere la consistenza desiderata del pesto.
  6. Il vostro pesto è pronto per essere utilizzato in cucina!
  7. Cuocete la pasta che gradite e mantecatela in padella con questo delizioso sugo.

Se non gradite il gusto intenso del pecorino, utilizzate del parmigiano reggiano o del grana padano. Provate a sostituire o affiancare le noci con delle mandorle tritate.

Conservazione

Se lo lasciate in frigo, dovrete conservare il vostro pesto in un barattolo a chiusura ermetica per massimo 3 giorni. Noi consigliamo di consumarlo subito!

Potrebbe interessarvi anche la ricetta del pesto alla genovese!

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 21-07-2022


Cozze alla busara, l’inganno dei marinai

Torta ricotta e mirtilli: soffice e incredibilmente golosa