Ingredienti:
• 150 g di polpa di ananas + quella per la decorazione
• 30 g di rum bianco
• 30 ml di latte di cocco
• ciliegie al maraschino q.b.
difficoltà: facile
persone: 1
preparazione: 10 min
cottura: 00 min

Cosa ne dite di un bicchiere di fresca pina colada? Scopriamo come preparare il cocktail a base di latte di cocco, ananas e rum bianco!

La Pina colada è un cocktail fresco a base di ananas, rum bianco e latte di cocco…una bevanda che non può non farci pensare immediatamente all’estate.

Ovviamente la ricetta base può essere modificata: c’è infatti chi utilizza del succo d’ananas al posto della polpa di ananas frullata. Anche l’aggiunta di cubetti di ghiaccio è facoltativa: la ricetta originale non lo prevede, ma nessuno vi vieta di aggiungerne qualche cubetto per rendere il vostro cocktail ancor più fresco. Vediamo subito gli ingredienti e tutti i passaggi della ricetta classica!

10 piatti detox per rimettersi in forma dopo le feste

Pina colada
Pina colada

Preparazione della pina colada

  1. Dopo aver pulito e tagliato l’ananas in modo da ricavarne la quantità necessaria tagliate la polpa a cubetti e mettetela all’interno del boccale del mixer.
  2. Aggiungete il latte di cocco e frullate fino a ottenere una crema omogenea.
  3. Unite anche il rum bianco e mescolate con un cucchiaio.
  4. Trasferite la bevanda in un apposito bicchiere da cocktail in cui avrete già inserito qualche cubetto di ghiaccio (facoltativo).
  5. Decorate a piacere con spicchietti di ananas o ciliegie al maraschino. Servite immediatamente e…buona bevuta!

In alternativa, potete provare il mimosa cocktail.

Conservazione

Consigliamo di consumare il drink al momento e sconsigliamo la congelazione in freezer.

L’origine della pina colada

Dopo aver visto la ricetta vera e propria, dovete sapere che sulle origini di questo cocktail ci sono informazioni contrastanti. Le prime tracce di una bevanda preparata proprio con ananas, cocco e rum appaiono nel 1950, quando, in un trafiletto sul New York Times si parlava per la prima volta di una bevanda di origine cubana.

Secondo un’altra corrente di pensiero, invece, questo cocktail ha origine nel 1963 precisamente a San Juan e fu inventato da Don Ramon Portas Mingot, motivo per cui le origini non sarebbero cubane ma portoricane.

LEGGI ANCHE: Come fare il Bloody Mary, il cocktail… “sanguinario”

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2023 - PC

ultimo aggiornamento: 02-05-2019


Crostata veloce? Ecco la ricetta facile con le fragole

Cheesecake senza cottura con il Bimby: il massimo della golosità (e velocità!)