Ingredienti:
• 600 g di filetti di sarde
• 2 cipolle
• 50 g di pinoli
• 50 g di uvetta
• Farina 00 q.b.
• Olio extravergine di oliva q.b.
• Aceto di vino bianco q.b.
• Sale q.b.
• Pepe q.b.
• 1 cucchiaio di zucchero
• Olio di semi (o un qualsiasi olio da frittura)
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 30 min

Le sarde in saor sono un piatto tipico veneziano sfizioso e facile da fare, ideale per un aperitivo o per un piatto unico ricco di sapore.

Oggi andiamo in Veneto per cucinare un piatto davvero ricco di gusto e fantasia: le sarde in saor, una ricetta originale che porterà sulla vostra tavola sapore e tradizione. Questo antipasto viene preparato con dei filetti di sarde, che vengono fritti e serviti con cipolle caramellate, uvetta e pinoli.

La preparazione di questa ricetta delle sardine in saor è davvero semplice e fatta di pochi ingredienti, ma per una resa ottimale le sarde dovranno riposare in frigo per mezza giornata (ancora meglio se per 24 ore), così da marinare nel saor e assorbire tutti i profumi e i sapori. Stupite i vostri ospiti con questa preparazione della tradizione italiana!

Andiamo a vedere come cucinare le sarde in questo modo gustoso e originale!

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Sarde in saor
Sarde in saor

Preparazione delle sarde in saor alla veneziana

  1. Cominciamo ad occuparci delle cipolle. Prendete le cipolle, sbucciatele e tagliatele a listarelle, dopodiché lasciatele in ammollo in una ciotola di acqua fredda per almeno 15 minuti. In questo modo si ammorbidiranno e saranno della consistenza perfetta per il nostro saor.
  2. Prendete i filetti di sarde e puliteli rimuovendo la lisca e la coda.
  3. Infarinatele bene da entrambi i lati e friggetele in olio di semi bollente finché non saranno dorate e croccanti.
  4. Non appena saranno pronte, asciugatele con un panno di carta da cucina e lasciatele riposare.
  5. A questo punto, prendete le cipolle e fatele appassire in una padella antiaderente con due cucchiai di olio extravergine di oliva per circa 10 minuti.
  6. Aggiungete mezzo bicchiere di aceto di vino bianco e due cucchiai di zucchero, poi lasciate cuocere per altri 10 minuti.
  7. Quando mancherà un minuto, aggiungete anche una manciata abbondante di uvetta e pinoli.
  8. Una volta che l’aceto si sarà ridotto, la salsa sarà pronta. Mettete il tutto in un piatto componendo più strati e alternando le sarde fritte con il saor, infine lasciate riposare in frigo per mezza giornata: in questo modo le sarde assorbiranno tutti i sapori e il vostro piatto sarà una vera delizia. Buon appetito!

E se vi sono piaciute, allora dovete provare anche la pasta con le sarde… non ve ne pentirete!

Conservazione

La ricetta delle sarde in saor ha un segreto: il tempo di marinatura. Più lascerete nel saor i pesciolini più sarà buono il prodotto finito. Vi consigliamo tuttavia di conservarle per massimo 4-5 giorni in frigo, all’interno di un contenitore con coperchio a chiusura ermetica. Sconsigliamo la congelazione in freezer.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 30-06-2021


Fusilli senza glutine estivi: la ricetta fresca e saporita

Rotolo di frittata alla rucola ripieno di salmone e robiola