Ingredienti:
• 4 uova
• 100 ml di olio di semi di girasole
• 5 g di aceto di vino
• sale q.b.
• 20 g di senape
• erba cipollina q.b.
• pepe nero q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 20 min
cottura: 9 min

La salsa bolzanina o Bozner Sauce è una preparazione tipica della cucina del Trentino-Alto Adige.

La salsa bolzanina, detta anche Bozner Sauce, a base di uova sode, senape, olio e pochi altri ingredienti è ottima per insaporire alimenti come le patate lesse o crostini di pane. Iniziamo subito con la ricetta!

Salsa bolzanina
Salsa bolzanina

Preparazione della salsa bolzanina

  1. Per prima cosa adagiate le uova intere in un pentolino, copritele con l’acqua fredda e mettetele sul fuoco, fate cuocere per 9 minuti dal momento dell’ebollizione.
  2. A cottura ultimata scolate le uova, intiepiditele passandole sotto l’acqua fredda corrente e sgusciatele.
  3. Tagliate le uova a metà, prelevate i tuorli e schiacciateli in modo da ottenere una purea omogenea.
  4. A parte tritate finemente gli albumi con l’aiuto di un coltello a lama fine.
  5. Unite gli albumi ai tuorli, mescolate e aggiungete anche la senape e l’aceto. Iniziate a mescolare con l’aiuto di una frusta e aggiungete anche sale e pepe.
  6. Proseguite aggiungendo l’olio a filo e da ultimo l’erba cipollina. Amalgamate il tutto e utilizzata la salsa così preparata per insaporire le vostre pietanze.

La salsa preparata seguendo questa ricetta può essere conservata in frigorifero all’interno di un contenitore a chiusura ermetica per 1-2 giorni al massimo.

In alternativa potete preparare la salsa rubra fatta in casa.

Salsa bolzanina e asparagi

Asparagi e salsa bolzanina sono un’accoppiata vincente soprattutto per quanto riguarda la cucina tradizionale dell’alta Italia e in particolare della zona di Bolzano.

Questo vale chiaramente in primavera, quando è possibile acquistare asparagi freschi di stagione e in particolare la varietà degli asparagi bianchi. Caratterizzati da un gusto delicato e dolce, gli asparagi bianchi devono la loro colorazione al fatto che vengono raccolti prima che escano dal terreno in modo da evitare che con la luce possano assumere il colore verde grazie alla fotosintesi clorofilliana.

Mai più dieta punitiva! Scarica QUI il ricettario light di Primo Chef.

0/5 (0 Reviews)

Mai più dieta punitiva!

TAG:
Cosa bolle in pentola

ultimo aggiornamento: 20-08-2020


Torta con le pesche senza glutine: perfetta per l’estate!

Gelo di anguria alla siciliana (o gelo di mellone), il dolce che sa di estate!