I taralli ai semi di finocchio si conservano croccantissimi per alcuni giorni e sono perfetti per un aperitivo o un pre-antipasto.

I taralli ai semi di finocchio sono un’ottima idea per un giorno di festa, anche per il pranzo di Pasqua. Sono economici, e possono essere preparati in anticipo, due fattori importanti per un pranzo che si annuncia come dispendiosi in tempo e denaro. Possono essere presentati come antipasto, anche da sgranocchiare in piedi e mentre si chiacchiera in compagnia, prima di portare in tavola il primo piatto. La caratteristica di questi taralli è di avere una doppia cottura. Prima sono lessati in acqua bollente, quindi terminano di cuocere in forno.

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 45’

TEMPO DI PREPARAZIONE: 25’

INGREDIENTI PER I TARALLI AI SEMI DI FINOCCHIO (4 persone)

  • 1 kg di farina
  • 220 ml di olio EVO
  • 2 cucchiai di semi di finocchio
  • 1 cucchiaio raso di sale
  • Pepe q.b.

9 ricette autunnalli per la tua tavola

Taralli ai semi di finocchio

PREPARAZIONE DEI TARALLI AI SEMI DI FINOCCHIO

Per questa ricetta, dovete setacciare molto bene la farina. Mettetela in una ciotola capiente, e versate anche il cucchiaio raso di sale, i semi di finocchietto, il pepe secondo gusto e l’olio EVO. Mischiate grossolanamente, quindi, poco alla volta, versate l’acqua. Alla fine dovete ottenere l’impasto tipico del pane, deve essere morbido ma elastico e uniforme.

Versate l’impasto su un piano di lavoro, ora dovete lavorarlo con le mani. Impastatelo per cinque minuti, quindi formate una palla, foderatela bene con della pellicola da cucina, e fatela riposare per trenta minuti.

Nel frattempo, riempite un’ampia pentola con dell’acqua, mettetela sul fuoco e portatela a bollore. Trascorsi i trenta minuti, riprendete la pasta e impastatela leggermente per un minuto. Con la pasta formate dei salamini del diametro a metà tra quello di una matita e quello di un dito. Devono avere una lunghezza di circa cinque centimetri. Chiudete i salamini ad anello saldandone molto bene gli apici, dandogli la forma del tipico tarallo.

Formate tutti i taralli, quindi, quando l’acqua bolle, versateli nella pentola. Lessatene pochi alla volta. Sono pronti quando tornano a galla da soli. Scolateli con una schiumarola e metteteli ad asciugare su alcuni fogli di carata da cucina. Lessate tutti i taralli.

Preriscaldate il forno a 200°. Foderate una teglia da forno con della carta forno e adagiatevi i taralli. Quando il forno è a temperatura, infornate e cuocete per trenta minuti. Tirate fuori dal forno e fate completamente raffreddare. Per la conservazione, teneteli in un contenitore ben chiuso.

Per un’altra ricetta economica, provate la frittata margherita

FOTO DA: PINTEREST

0/5 (0 Reviews)

ultimo aggiornamento: 28-03-2017


Bocconcini di pollo al curry e zucchine

Gratin di verdure