Ingredienti:
• 4 uova
• 1 peperone verde
• 2 pomodori
• 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
• 1 cipolla rossa
• 3 cucchiai di olio
• 1 limone
• 2 spicchi di aglio
• 1 cucchiaino di cumino
• 1 peperoncino rosso
• sale q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 15 min
cottura: 40 min

La shakshuka è un prodotto tipico della cucina israeliana preparato con pomodoro, peperoni e uova e servito con pane pita.

Shakshuka letteralmente significa mistura e si riferisce a una ricetta tradizionale israeliana a base di sugo di pomodoro e peperoni sapientemente speziato e arricchito con uova. Non tutti sanno però che le origini del piatto sono magrebine: è da queste zone infatti che provenivano gli ebrei migrati in Palestina a partire dalla metà del ‘900.

Oggi, questo piatto della cucina mediorientale, è un vero e proprio caposaldo e, anche se la versione tradizionale prevede le uova, ne esistono varianti vegetariane che prevedono l’utilizzo del tofu. Noi abbiamo adorato le uova speziate al pomodoro e peperoni e il modo migliore per servirle è insieme alla pita, il pane tradizionale perfetto per fare la scarpetta.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Shakshuka
Shakshuka

Come preparare la ricetta della shakshuka

  1. Per prima cosa affettate finemente la cipolla e tritate l’aglio. Rosolate entrambi in un tegame insieme all’olio, al peperoncino e al cumino.
  2. Nel frattempo lavate il peperone, privatelo dei semi e dei filamenti interni e tagliatelo a strisce. Lavate anche i pomodori e riduceteli a cubetti. Aggiungete le verdure in padella insieme a mezzo bicchiere di acqua, una presa di sale e al concentrato di pomodoro.
  3. Lasciate cuocere per 20-30 minuti fino a che il sugo non si sarà addensato e le verdure non saranno tenere quindi aggiungete il succo di limone.
  4. Rompete le uova nel sugo dopo aver formato 4 incavi e lasciate cuocere con il coperchio fino a che l’albume non sarà bianco.
  5. Servite immediatamente.

Se questa ricetta vi è piaciuta vi consigliamo di provare anche la versione più nostrana del piatto, le uova in purgatorio.

Conservazione

Una volta aggiunte le uova il piatto va consumato al momento. Il sugo invece si può conservare in frigorifero, ben coperto, per 2-3 giorni e, solo al momento di servirlo, riscaldarlo e cuocerci le uova.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 04-04-2022


Ecco a voi un dolce siciliano goloso: la torta fedora

Crepes senza glutine e lattosio, la ricetta perfetta per tutti!