Come si fa lo spritz: scopriamo insieme la ricetta!

Ingredienti:
• 1/3 di Aperol
• 1/3 di prosecco o vino bianco
• 1/3 di acqua frizzante
• ghiaccio q.b.
• arancia q.b.
difficoltà: facile
persone: 1
preparazione: 20 min

Aperitivo e spritz sono una coppia vincente per godersi un momento tra amici in compagnia. Oggi vi spieghiamo come preparare questo cocktail, ecco la ricetta!

Preparare lo spritz in casa per un aperitivo tra amici o per dare il via ad una cena è veramente semplicissimo. Ma conoscete la storia di questa bevanda? Sapete qual è la ricetta originaria e quali le varianti? Scopriamolo insieme.

Per prima cosa dovete sapere che il cocktail simbolo dell’aperitivo e del Triveneto ha origini ancora ignote, ma pare che queste vadano fatte risalire all’abitudine dei soldati dell’impero austriaco che si trovavano nella Repubblica Serenissima, appartenente al regno austro-ungarico, di aggiungere dell’acqua di selz al vino per renderlo più leggero.

A quanto pare, infatti, gli austriaci non erano abituati a bevande dalla gradazione alcolica più alta e per questo decisero allungarle con dell’acqua frizzante o seltz.

Spritz
Spritz

Preparazione dell’aperol spritz

Lavate l’arancia e tagliatela a spicchi. Prendete un bicchiere o un calice e mettete un po’ di ghiaccio. Riempite con l’aperol, il prosecco e spruzzate con l’acqua frizzante.

Completate decorando con l’arancia a spicchi e servite immediatamente con stuzzichini, snack, finger food o pizzette a vostra scelta!

Per gli abbinamenti ricordate che il cocktail è ottimo anche con salumi, pesce, carni bianche, ma non si presta ad essere abbinato a carni rosse.

Spritz: l’origine del nome

Il nome del popolare cocktail deriva dal termine tedesco spritzen che letteralmente significa “spruzzare” e per l’appunto richiama l’idea di allungare il vino con dell’acqua frizzante. Da questa abitudine è nato poi il “vino sprizato” che può essere considerato il precursore della bevanda a noi più nota.

Negli anni ha poi avuto un grande successo lo “spritz veneziano” e il vero e proprio boom si è avuto dal 2008 grazie alla campagna pubblicitaria dell’Aperol. Oltre al vino bianco o Prosecco, seltz o acqua gassata, l’altro ingrediente del cocktail è un bitter come Aperol o Campari e ne esistono tantissime versioni!

In alternativa, potete provare il Bloody Mary.

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 12-04-2019

X