Uno studio di Scott Harding scagiona 5 cibi che crediamo dannosi

Ci sono degli alimenti che spesso vediamo “incriminati” e che abbiamo quasi paura di mangiare, ma uno studio del professor Scott Harding ha tolto il veto.

Scott Harding, professore di Scienze nutrizionali nel King’s College di Londra, ha condotto con il suo team uno studio che ha effettivamente scagionato alcuni tra i cibi più “demonizzati” da diete e articoli sulla salute: uova, formaggi, margarina, arachidi e patate.

UOVA

Le uova sono spesso state associate a un alto livello di colesterolo, che a lungo andare poteva creare danni al cuore. In realtà, come sottolineato da Scott Harding, le uova – se assunte nelle quantità giuste – sono preziose per l’organismo, con il loro contenuto di proteine, vitamine, sali minerali e altri elementi. Tra l’altro una ricerca durata venti anni ha dimostrato che assumere questa tipologia di colesterolo non ha un grande peso sui livelli di accumulo nel sangue.

FORMAGGI

Qualsiasi dieta dice “no” ai formaggi, grandi apportatori di grassi e affini. In realtà i latticini non andrebbero esclusi dal regime alimentare, perché contengono sostanze come il calcio. Per ridurre l’apporto di grassi basta scegliere formaggi più magri. Anche il latte di soia e di mandorle apporta gli stessi livelli di calcio.

MARGARINA

La margarina, meno nobile del burro, è un altro degli alimenti a cui si guarda spesso con sospetto; secondo lo studio di Harding sarebbe comunque preferibile al burro, perché contiene meno grassi saturi. Bisognerebbe però prestare molta attenzione agli ingredienti: se nell’etichetta c’è la dicitura “oli parzialmente idrogenati” evitiamo l’acquisto.

ARACHIDI

Le arachidi, o noccioline americane, sono un altro cibo demonizzato; invece, sono alleate del cuore e contengono proteine e fibre importanti per la salute. Il segreto sta nel mangiarle con moderazione.

PATATE

Gli unici ortaggi che ci sconsigliano spesso di mangiare, per il loro contenuto di carboidrati e di zuccheri: ma le patate abbassano i livelli di glucosio nel sangue e non solo. Se bollite e fatte raffreddare, hanno un impatto positivo sui batteri intestinali e aiutano l’assorbimento di minerali come il magnesio e il calcio.

Il cibo scaduto non è tutto da buttare

Fonte foto: Pixabay

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 18-04-2016

Caterina Saracino

X