Ingredienti:
• 500 g di macinato misto
• 1 cipolla
• 1 costa di sedano
• 1 carota
• sale q.b.
• pepe q.b.
• 1 cucchiaio di prezzemolo
• 1 mazzetto di basilico
• 100 g di pane raffermo
• 150 g di parmigiano reggiano
• 700 ml di passata di pomodoro
• 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
• 6 uova
• 500 g di farina
• latte q.b.
• olio extra vergine d’oliva q.b.
• olio di semi q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 60 min
cottura: 30 min

Dopo aver sentito a lungo la canzone è arrivato il momento di prepararle: stiamo parlando delle mitiche tagliatelle di nonna Pina!

Era il 2003 quando l’ormai celebre canzone de “Le Tagliatelle di Nonna Pina” ha cominciato a risuonare nelle nostre orecchie, prima con lo Zecchino d’Oro e poi con La Prova del Cuoco. Ma diteci: sapevate che Nonna Pina è esistita davvero? Originaria di un paesino della provincia di Bologna, Baricella, si è spenta all’età di 86 anni nel 2022 non senza lasciare la ricetta delle sue famose tagliatelle.

A dire la verità, a meno che non sia conservata in qualche quadernetto segreto lasciato in eredità a figli e nipoti, la ricette non è poi così certa. Di sicuro abbiamo le tagliatelle, la pasta fresca per eccellenza della cucina bolognese, e il ragù, fatto però con le polpette. Noi le abbiamo preparate e immediatamente la canzoncina ha cominciato a risuonarci in testa: che dite, abbiamo fatto centro?

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Tagliatelle di nonna Pina
Tagliatelle di nonna Pina

Come preparare la ricetta delle tagliatelle di Nonna Pina

  1. Per prima cosa mettete in ammollo il pane nel latte.
  2. Dedicatevi ora al sugo. Tritate poi finemente sedano, carota e cipolla e rosolateli in un padella insieme a un giro abbondante di olio. Dopo circa 5 minuti versate la passata di pomodoro e il concentrato e lasciate cuocere a fiamma media per 15 minuti. In ultimo profumate con le foglie di basilico e regolate di sale e pepe.
  3. Nel frattempo preparate le polpette: riunite in una ciotola il macinato, un cucchiaio di prezzemolo tritato, il pane strizzato, il parmigiano, un uovo e una presa di sale. Impastate con le mani quindi formate delle polpettine grandi circa come una noce.
  4. Friggetele in un centimetro di olio di semi, fino a che non risulteranno dorate su tutti i lati. Scolatele poi con una schiumarola, passatele su carta assorbente e unitele al sugo.
  5. Preparate la pasta fresca disponendo a fontana la farina e unendo le uova rimaste. Impastate dapprima con una forchetta poi a mano, su una spianatoia, fino a ottenere un panetto omogeneo e liscio. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare per 30 minuti.
  6. Stendetelo poi con il matterello (così vuole la tradizione ma se non siete pratici potete utilizzare anche la nonna papera) fino a raggiungere uno spessore sottile. Aiutatevi con della semola se necessario. Ricavate poi le tagliatelle e lessatele 2 minuti in abbondante acqua salata.
  7. Scolatele e saltatele in padella con il sugo. Distribuite nei piatti e gustate.

Per un menù interamente dedicato a questa magnifica regione provate anche la torta di tagliatelle.

Conservazione

Le tagliatelle, una volta cotte e condite, si conservano in frigorifero per un paio di giorni. Riscaldate in padella sono davvero deliziose!

5/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 05-05-2022


Pastissada de caval, una ricetta storica della cucina veronese

Pasta con limone e prezzemolo, un primo piatto facile e veloce