Ingredienti:
• 250 g di farina 00
• 100 g vino bianco secco
• ½ cucchiaino di zenzero
• 2 cucchiaini di curcuma
• 5 g di sale fino
• 1 cucchiaio di bicarbonato
• 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
• rosmarino q.b.
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 30 min
cottura: 30 min
kcal porzione: 32

Fanno parte dei prodotti tipici della Puglia, ma anche un semplice tarallo può diventare uno snack sfizioso se rivisitato con curcuma e zenzero.

Avete ospiti a cena e non sapete proprio cosa inventare? La tradizione dei taralli pugliesi è ormai sparsa in tutta Italia, ma perché non spezzare la monotonia con la semplice aggiunta di curcuma e zenzero? Una ricetta tramandata di generazione in generazione, e poi di regione in regione, fino a diventare conosciuto in tutto il mondo. Ma come qualsiasi buon prodotto voglia, reinventarlo in diversi modi darà un tocco di fantasia alla solita routine. I taralli zenzero e curcuma saranno perfetti per creare aperitivi sfiziosi con gli amici o per dedicarvi ad una pausa gustosa durante una stressante giornata di lavoro.

Non aspettate oltre, mettetevi subito all’opera e prepariamo insieme questa semplice ricetta!

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Taralli zenzero e curcuma
Taralli zenzero e curcuma

Preparazione della ricetta taralli zenzero e curcuma

  1. Iniziamo a preparare l’impasto per la realizzazione di 50 taralli. Prendete una ciotola capiente ed inserite farina, sale, zenzero e curcuma.
  2. Versate il vino bianco e l’olio extravergine d’oliva e impastate con le mani amalgamando tutti gli ingredienti.
  3. Poi trasferite l’impasto su un piano lavoro per continuare a impastare e a creare un panetto liscio e omogeneo.
  4. A questo punto avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare 30 minuti.
  5. Prendete di nuovo il vostro impasto e dividetelo in piccoli pezzi.
  6. Create dei filoncini spessi 1 cm e lunghi 8-10 cm le quali estremità verranno unite poi per realizzare la classica forma del tarallo. Man mano poggiateli su un piano infarinato.
  7. Portate a bollore una pentola d’acqua col bicarbonato e immergete i taralli pochi per volta.
  8. Quando verranno a galla scolateli delicatamente e poggiateli su un panno assorbente, per poi trasferirli su una teglia con carta forno.
  9. Preriscaldate il forno statico a 200° C e cuocete i taralli per 25-30 minuti fino a doratura. Sfornateli, e lasciatevi inebriare dal loro profumo… che bontà!

Curiosità e varianti dei taralli zenzero e curcuma

Conoscete i benefici dei taralli zenzero e curcuma? La curcuma è ricca di proprietà antiossidanti, digestive e antinfiammatorie. Lo zenzero aiuta a prevenire persino raffreddore e influenza, e riduce i dolori di diverso genere.

I taralli zenzero e curcuma fanno ingrassare solo se consumati in quantità esagerate. Sono alimenti fortemente energetici: se li mangiate come spuntino, l’ideale per una buona dieta sarebbe consumarne circa 5 pezzi che corrispondono a 160 Kcal.

Il sapore pungente di questi ingredienti darà un tocco stupefacente ai vostri taralli, ma se vorrete osare ancora di più vi consigliamo di aumentare la dose di zenzero a vostro piacimento o addirittura di utilizzare una nota di peperoncino! Per gli amanti delle spezie aromatiche, potrete unire all’impasto dei taralli del rosmarino tritato.

Conservazione

Potete conservare i taralli in un contenitore di latta o comunque ermetico per circa una settimana, per evitare che perdano fragranza e friabilità. Se volete mettere da parte dell’impasto o alcuni dei taralli già formati, potrete congelarli per poi infornarli successivamente.

Vorresti ricreare la pura tradizione senza rivisitazioni? Ecco come preparare i tradizionali taralli pugliesi!

5/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Aperitivo Cucina italiana

ultimo aggiornamento: 02-02-2022


Tedesco DOC, chi meglio di Ernst Knam può dirci come fare la Sachertorte?

Come preparare i lecca lecca fatti in casa