Uso corretto della lavastoviglie: cosa non mettere assolutamente per un pulito brillante e tubature sempre funzionanti.

Per un uso corretto della lavastoviglie bisogna prestare molta attenzione a cosa si può mettere dentro e cosa no. Residui di cibo ed etichette possono intasare i meccanismi e rovinare così il macchinario. Lavate sempre molto bene ogni singola stoviglia e assicuratevi che ci siano tracce di cibo ricco di amido o foglie.

Ecco quali accorgimenti seguire per utilizzare al meglio la lavastoviglie e cosa non mettere assolutamente dentro per farla durare più lungo.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

uso corretto della lavastoviglie
https://pixabay.com/it/lavastoviglie-utensili-da-cucina-1772579/

Cosa non lavare in lavastoviglie?

In molti si chiedono se i bicchieri di cristallo si possono lavare in lavastoviglie. La risposta è assolutamente no! Questo materiale è molto sensibile al calore e quindi c’è il rischio che si spacchi. Inoltre, è sufficiente un piccolo urto per farli andare in pezzi.

Da evitare anche piatti, tazze e bicchieri decorati a mano. Questa tipologia di stoviglie con applicazioni, inserti dorati o decorazioni a mano risulta molto delicata e il calore rischia di far spaccare i decori. Per proteggerli e farli durare a lungo l’ideale è il classico lavaggio a mano con una spugna non abrasiva.

Super attenzione anche per i barattoli o le bottiglie con etichetta di carta. Questa è letale per la lavastoviglie, in quanto potrebbe sciogliersi e intasare gli scarichi e i filtri della lavastoviglie.

Per quanto riguarda la plastica in lavastoviglie fate attenzione perché alcuni contenitori non sopportano le temperature superiori ai 50°C e si deformano. Si tratta di quei contenitori che hanno una consistenza simile o uguale a quella di una bottiglietta di plastica.

3 accorgimenti per un corretto utilizzo della lavastoviglie

La lavastoviglie è una soluzione innovativa che offre un aiuto enorme in casa e che velocizza i tempi di pulizia. Ma cosa si può lavare in lavastoviglie? Qual è il metodo corretto per utilizzarla e farla durare più a lungo. Ci sono degli oggetti da non mettere e altre piccole accortezze per salvaguardarla e assicurarvi prestazioni efficaci.

– Per un uso corretto della lavastoviglie, prima di mettere un piatto o una pentola in lavastoviglie dovete eliminare i residui di cibo. Il cibo peggiore che vi lascerà i piatti e le stoviglie sporche è il riso. Non lasciate che i chicchi possano finire in lavastoviglie, altrimenti l’amido lascerà tracce di sporco. Attenzione anche ai danni che può causare il riso, ovvero intasamento nei tubi o negli ingranaggi.

– Eliminate anche i residui di amido lasciati dall’acqua di cottura con una semplice passata di spugna in modo da evitare l’alone. Attenzione anche a residui di verdure, carne e pesce che rischiano di incastrarsi e creare altrettanti danni.

– Un altro alimento da non sottovalutare sono le foglie del tè. Per quanto sembrino innocue, queste creano dei gravi danni alla lavastoviglie facendola intasare.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/lavastoviglie-utensili-da-cucina-1772579/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 25-10-2018


I migliori consigli per essiccare le mele in forno

Come fare un decotto di rosmarino dai mille benefici