Nuova struttura moderna, una piccola rivoluzione nella maison

Una grande annata e una speciale ricorrenza: lo Chateau Margaux, il castello nei cui vigneti nasce il celebre vino rosso francese, compie 200 anni. Un traguardo raggiunto grazie a un mix tra tradizione e modernità. E per celebrare l’anniversario, la maison vive una piccola rivoluzione: la costruzione di un luogo più moderno, una prima assoluta da due secoli.

“Avevamo bisogno di più botti – spiega Corinne Mentzelopoulos, proprietaria del Castello – e dovevamo avere diverse taglie per selezionare le qualità, e avevamo bisogno anche di una vinoteca che corrispondesse esattamente ai nostri criteri di invecchiamento, perchè certi vini devono durare fino a cent’anni”.

E’ il celebre architetto britannico Norman Forster a realizzare la struttura, che si ispira ai mercati del Sud-Ovest francese.

All’interno, botti ultramoderne refrigerate e in acciaio. E perfino un laboratorio di ricerca. Lo scopo non è produrre di più, ma fare ancora meglio.

“Quaranta botti in più significa fare selezioni migliori e più raffinate – spiega Sebastien Verge, direttore tecnico del Castello -. Siamo passati in 25 anni, da 25 a 100 botti, seppure producendo meno vino, ma ora siamo capaci di essere più precisi nelle nostre selezioni”.

Con le sue 300mila bottiglie di prima e seconda scelta nell’anno passato, il rosso Chateau Margaux resta in cima alla classifica dei vini più famosi di Bordeaux.

Fonte: askanews

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 12-10-2015


Nuova moda a Tokyo, balene a tavola – VIDEO

“Blue Sea Land”, in scena a Mazara l’arte enogastronomica – VIDEO