Antipasto alla piemontese di verdure miste sottovetro

L’antipasto alla piemontese verrà in vostro soccorso quando non avrete tempo di cucinare.

chiudi

Caricamento Player...

Mettere sotto vetro la verdura come nel caso di questo antipasto alla piemontese, meglio noto come giardiniera di verdure, è un ottimo modo per avere a portata di mano un alimento genuino, già pronto e fatto da voi. La cosa fondamentale però è che sterilizziate i vasi con molta attenzione.

DIFFICOLTÀ: 3

COTTURA: 50′ + sterilizzazione dei vasi

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

INGREDIENTI ANTIPASTO ALLA PIEMONTESE

  • 1,5 kg di pomodori
  • 300 g di peperoni
  • 300 g di sedano
  • 300 g di cipolline
  • 300 g di carote
  • 300 g di fagiolini
  • 2 bicchieri di aceto rosso
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaio di sale grosso
  • noce moscata

PREPARAZIONE ANTIPASTO ALLA PIEMONTESE

Prendete i pomodori, meglio se quelli pachino, lavateli e sbollentateli per un minuto dopo aver praticato un incisione con un coltello. Nel frattempo, pulite e tagliate a pezzi le cipolle. Scolate e fate raffreddare leggermente i pomodori.

Togliete la buccia ai pomodori (se sono caldi viene via da sola), quindi passati al passaverdura. Mettete in una pentola l’olio, l’aceto e lo zucchero, fatela scaldare appena e gettatevi la passata. Quando inizia a sobbollire, aggiungete carote e sedano, precedentemente lavati e tagliati a pezzetti.

Aggiungete i fagiolini, puliti e tagliati, dopo 15 minuti di cottura e, dopo altri 10, le cipolline. Per ultimi, mettete i peperoni, quindi lasciate cuocere per altri 10 minuti. Se vi piace, aggiungete verso la fine la noce moscata grattugiata.

Mettete le verdure ancora calde in un recipiente di vetro sterilizzato. Aspettate che si raffreddino, quindi coprite a filo con l’olio e chiudete ermeticamente con un tappo nuovo. Sterilizzate il barattolo facendolo bollire a testa in giù per mezz’ora, fate raffreddare per bene e poi mettetelo via in un luogo fresco e buio. Attendete almeno 40 giorni prima di consumare e verificate che il tappo sia chiuso ermeticamente al momento dell’apertura.

Il mondo dei sotto vetro è infinito. Potete per esempio anche seguire questa ricetta per dare un tocco i più ai vostri contorni: “Come fare ravanelli sottaceto in casa“.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!