Rimedi e consigli della nonna per conservare il pane fresco più a lungo: tenetelo lontano da umidità, fonti di calore e ambienti troppo secchi.

Riuscire a conservare il pane morbido e fresco fino a due o tre giorni è possibile grazie ai preziosi consigli della nonna. Innanzitutto non bisogna lasciarlo scoperto o all’aria aperta altrimenti tenderà a seccarsi in pochissimo tempo. Inoltre, non lasciatelo vicino fonti dirette di sole o di luce perché diventerà duro e asciutto più in fretta. Volete saperne di più? Allora seguiteci!

Come conservare il pane fresco?

Un metodo infallibile per conservare il pane fresco o fatto in casa consiste nel conservarlo in una busta di carta. Quando acquistate il pane, quindi, non buttate via la sua carta, perché lo proteggerà dall’umidità.
Per conservare ancora meglio il pane, poi, avvolgetelo nella busta di carta dentro un sacchetto di plastica.

Tenetelo in un posto fresco, ben arieggiato e lontano da fonti di calore o di luce diretta. Durerà circa 2/3 giorni.

9 ricette autunnali per la tua tavola

pane
pane fresco

Rimedi contro l’umidità e gli ambienti troppo secchi

L’umidità è il nemico numero uno del pane. Quando c’è una temperatura troppo umida il pane fresco, in particolare il pane fatto in casa, tende a indurirsi e diventa immangiabile. Se lo conservate nel portapane potrete regolare voi stessi il grado di umidità. Un portapane con serranda scorrevole vi permetterà di chiuderlo completamente o di lasciarlo un po’ aperto per far circolare l’aria.

Al contrario, se in casa fa troppo caldo o se i riscaldamenti sono troppo alti il pane diventa troppo molle. Cosa fare? Scegliete un metodo infallibile della nonna, ovvero la fetta di mela. Mettete nel portapane o nella busta del pane una fetta di mela o in alternativa una fetta di patata. Questo aiuterà a creare il giusto grado di umidità ed evitare che l’aria sia troppo secca.

consigli alimentari Pane

ultimo aggiornamento: 15-10-2019


I migliori consigli in cucina per togliere l’acidità dal sugo di pomodoro

Come conservare le castagne tutto l’anno: i metodi infallibili