Due tecniche di cottura a bagnomaria: fornello e forno

Come fare un infuso vegan disintossicante

Le migliori tecniche di cottura a bagnomaria: la classica cottura sul fornello per i cibi salati o in forno per dolci e crostate.

La cottura a bagnomaria è molto amata e apprezzata nelle diete e nei regimi ipocalorici perché permette di mangiare cibi sani e leggeri. Potete cucinare qualunque tipo di pietanza che va dal pesce alle verdure, così come salse e dolci.

Ciò che vi servirà per cuocere alla perfezione sono due pentole di grandezza diversa da inserire una dentro l’altra. In alternativa potete utilizzare un contenitore che supporti il calore e che possa essere inserito all’interno di una sola pentola. Vediamo come realizzare al meglio la cottura a bagnomaria.

cottura a bagnomaria
Fonte foto: https://it.pinterest.com/pin/487655465880646469/

Cottura a bagnomaria sul fornello: come si fa e quali alimenti scegliere

Quasi tutti gli alimenti si possono cucinare a bagnomaria e ognuno ha dei tempi di cottura diversi. Per quanto riguarda i dolci, gli ingredienti più gettonati sono il cioccolato e il burro. Grazie a questa tecnica potete sciogliere il cioccolato ed evitare che questo si addensi troppo.

Per cucinare a bagnomaria dovete procurarvi una pentola molto capiente e riempirla per 3/4 di acqua. Prendete poi una pentola più piccola in cui avrete messo gli alimenti da cucinare e mettetela all’interno di quella più grande. Infine, accendete il fuoco sotto la pentola più grande e lasciate cuocere lentamente.

Cuocere o riscaldare a bagnomaria?

La cottura a bagnomaria è molto semplice, tuttavia, varia a seconda di ciò che si vuole fare, ovvero: cuocere o riscaldare un alimento. Nel caso in cui vogliate cuocere un alimento la pentola con il cibo dovrà essere riposta in una pentola più grande, che contenga giusto un po’ di acqua. Nel caso in cui vogliate solo riscaldare del cibo dovete mettere molta acqua, in modo tale che la pentola più piccola sia completamente immersa in quella più grande..

Cottura a bagnomaria in forno

Questa tecnica viene impiegata principalmente per i dolci, ad esempio budini o soufflé. In questo modo i dolci non si bruciano – come potrebbe accadere con una classica cottura in forno – e il calore si diffonde in modo uniforme.

Il procedimento è lo stesso della cottura sul fornello a gas, ma si impiegano recipienti diversi. Per quanto riguarda il contenitore andrà bene una teglia a bordo alto e abbastanza larga da contenere il recipiente di cottura. Quest’ultimo potrà essere un qualsiasi stampo da forno con le pareti abbastanza alte, altrimenti potrebbe entrare l’acqua.

Fonte foto: https://it.pinterest.com/pin/487655465880646469/

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 07-03-2018

Elisa Mahagna

X