Ingredienti:
• 500 ml di panna
• 125 ml di latte
• 8 tuorli
• 130 di zucchero (+ 6 cucchiaini)
• 1 bacca di vaniglia
difficoltà: facile
persone: 6
preparazione: 10 min
cottura: 70 min

La creme brûlée è un dolce al cucchiaio la cui origine è contesa tra Francia e Inghilterra. Scopriamo come si prepara.

La creme brûlée, letteralmente crema bruciata, è un dolce al cucchiaio tipico francese, come è facile intuire dal nome. Si tratta, in sostanza, di una crema inglese cotta e ricoperta da un sottile strato di zucchero caramellato. L’aroma caratteristico è quello della vaniglia, ma non mancano versioni più ardite e particolari.

Preparare la creme brûlée alla vaniglia è davvero semplice e non richiede procedimenti particolari. Di particolare ci sono i passaggi finali che prevedono prima una cottura in forno a bagnomaria e poi la creazione della particolare crosticina di zucchero con il cannello. Ma niente paura: preparare il nostre dessert alla creme brûlée non è mai stato così facile.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Creme brûlée
Creme brûlée

Come fare la creme brûlée

  1. Per prima cosa riscaldate il latte e la panna senza farli bollire insieme alla bacca di vaniglia tagliata per il lungo.
  2. A parte, in una ciotola, lavorate i tuorli con lo zucchero senza montarli.
  3. Versate poi a filo il composto caldo, rimuovendo la bacca e sempre mescolando con una frusta da cucina.
  4. La crema così ottenuta va versata in 6 stampi monoporzione per creme brûlée posizionati all’interno di una pirofila adatta alla cottura in forno.
  5. Nella pirofila poi aggiungete tanta acqua quanta ne occorre a coprire per un terzo le cocottine e cuocete a 140°C per 70 minuti.
  6. Sfornate e distribuite su ciascuna un cucchiaino di zucchero poi caramellate con l’apposito cannello. Se non doveste avere questo piccolo arnese, posizionate le cocottine nel ripiano più alto del forno e accendete il grill fino a che non noterete che lo zucchero ha cominciato a prendere colore.

Preparare la creme brûlée con la ricetta che vi abbiamo proposto è davvero semplice. Non lasciatevi quindi intimorire dalla fama di questo dolce e provatelo, servendolo magari come fine pasto nelle occasioni più importanti.

Storia della creme brûlée

Abbiamo definito la creme brûlée come un dolce francese per via del fatto che la prima ricetta risale al 1691 ed è contenuta in un ricettario di cucina francese. In realtà pare che la sua origine sia inglese e che creme brûlée non sia che un altro nome della crema inglese.

A far pendere la storia verso questa interpretazione c’è l’usanza, in voga dal 1879, di preparare questa crema imprimendo sulla superficie lo stemma del Trinity College di Cambridge. Il legame tra il dolce e la prestigiosa università quindi è davvero forte e non è ben chiaro da quale lato della Manica sia nato.

In tutti i casi vi invitiamo a non confonderlo con la crema catalana. Date un’occhiata alle differenze e, se proprio volete essere sicuri, provatele entrambe per rendervi conto delle loro diversità.

Conservazione

Consigliamo di consumare al momento la crema quando è già stata passata al cannello, altrimenti potete lasciarla per massimo 1 giorno in frigo, ben coperta dalla pellicola trasparente, e caramellizzare la superficie solo prima di servire.

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 15-03-2022


Troppo cremoso il riso zucchine e gamberetti con il Bimby!

Lasagna bianca pesto e zucchine, irresistibile!