Marmellata di limoni: la ricetta tradizionale

La ricetta della marmellata di limoni è diversa da tutte le altre (per sapore e per procedimento). Vediamo insieme come realizzarla e nostri migliori consigli!

Amate fare le confetture in casa e vi ritenete degli esperti di questa preparazione? Allora non potete non provare la ricetta della marmellata di limoni. Frutta, acqua e zucchero: gli ingredienti sono semplici e uguali per tutte le confetture, ma il limone non è come tutti gli altri: è un fuoriclasse. Vi consigliamo di usare dei limoni di Sorrento biologici (o comunque non trattati) oppure, meglio ancora, i limoni del vostro orto siccome andremo ad utilizzare sia la buccia che la polpa del frutto. Inoltre, devono essere belli maturi e succosi.

Rispetto alle altre marmellate, il rapporto frutta:zucchero è un po’ diverso (noi di solito manteniamo il 2:1 per la frutta) ma il limone ha molto meno zucchero di tutti gli altri ed è ovviamente più acido. Sconsigliamo di usare meno zucchero quello indicato a meno che non siate proprio amati della sua asprezza. Potete, però, in base al vostro gusto, metterne un po’ di più.

Ecco quindi la ricetta della nonna della marmellata di limoni, una confettura molto particolare, ricca di Vitamina C e diversa dal solito! Sapevate che si può realizzare anche senza bucce?

Ingredienti per la ricetta della marmellata di limoni (per 6 persone)

  • 1 kg di limoni di Sorrento
  • 750 g di zucchero
  • acqua q.b.

DIFFICOLTA‘: 1 | TEMPO DI COTTURA: 45′ | TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

marmellata di limoni
Marmellata di limoni

Come fare la marmellata di limone con la buccia

Per prima cosa, dopo aver scelto con cura i vostri limoni, lavateli molto bene sotto acqua corrente, se necessario sfregateli anche con una spugnetta o uno spazzolino. Tagliateli a fettine ed eliminate tutti i semi.

In una terrina, ponete la frutta a pezzi e ricopritela di acqua; lasciate riposare per almeno 24 ore, coperta con pellicola da cucina. Il giorno dopo, scolateli e ripetete l’operazione: buttate via l’acqua, e ricopriteli nuovamente con acqua fresca. Lasciate lì per altre 24 ore, sempre a temperatura ambiente (e sempre coperto da pellicola). Questo lungo procedimento serve per eliminare l’amaro e l’acido del limone.

A questo punto, potete procedere con la preparazione vera e propria: ponete la frutta in pentola, coprite con acqua e portate a bollore. Appena l’acqua bolle, scolate i pezzetti di limone; trasferite l’acqua di cottura in un altro recipiente (non buttatela perchè ci servirà).

Rimettete i limoni in pentola e unite lo zucchero. Se necessario, aggiungete man man dell’acqua di cottura – quella che avete conservato dal passaggio precedente – a occhio. Fate cuocere per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno e aggiungendo acqua di cottura se serve.

A questo punto, dovrebbe essere pronta (per sicurezza fate sempre la prova del piattino). Potete frullarla tutta, frullarla parzialmente o lasciarla così com’è in base al vostro gusto.

Trasferitela infine nei vasetti sterilizzati in precedenza, sigillateli, ponete un’etichetta con la data di produzione. Lasciate in dispensa (buia e asciutta) per almeno 3 settimane. Il tempo di conservazione della confettura è di circa 4 mesi, se i vasetti sono sigillati correttamente. Ogni barattolo, una volta aperto, dura circa 1 settimana all’interno del frigorifero.

Preparazione della marmellata di limoni senza buccia

Il procedimento che vi abbiamo appena mostrato è quello tradizionale, quello della ricetta siciliana, ma se siete dal palato delicato – oppure la preparate per i bambini – potete anche farla senza bucce. In questo caso sarà anche più veloce perchè non saranno necessarie 48 ore di ammollo (ma ne basteranno 12). Procuratevi gli ingredienti già citati, a cui dovrete aggiungere una mela ben matura.

Pelate a vivo i limoni, eliminando la buccia, la parte bianca e i semi. Perderete molto succo, ma fate attenzione a un sprecarlo: ci servirà. Ponete poi i limoni in una terrina, meglio se di vetro, insieme a tanta acqua quanto basta per coprirli completamente, lo zucchero e il succo di limone ottenuto durante la fase di pelatura. Coprite con carta trasparente e lasciate riposare per 12 ore in un luogo buio e asciutto.

A questo punto, riprendete il tutto e ponetelo in pentola con la mela sbucciata e tagliata a tocchetti. Fate cuocere anche in questo caso per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto, finchè il composto non supererà la solita prova del piattino.

Trasferitela nei vasetti sterilizzati e riponetela in dispensa per un paio di settimane prima di gustarla. Una ricetta perfetta anche se avete usato le bucce di limone per preparare il limoncello e non sapete come riciclare la polpa del limone!

Ora che avete imparato la ricetta, potete realizzarla con le aggiunte che preferite: molti, ad esempio amano la marmellata di limoni e zenzero fresco grattugiato oppure la stessa ricetta arricchita di scorzette d’arancia. Qualsiasi cosa aggiungiate, mettetelo in pentola appena iniziate la cottura dei limoni.

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 28-09-2018

X