Ingredienti:
• 1 ciabatta di pane
• tortilla di patate q.b.
• jambon serrano q.b.
• 60 g di tonno
• 2 cucchiai di maionese
• 6 capperi dissalati
• affettati a piacere q.b.
• formaggi a piacere q.b.
difficoltà: facile
persone: 10
preparazione: 20 min
cottura: 00 min

I pinchos non sono delle semplici bruschette spagnole, sono delle vere e proprie opere d’arte arricchite con ogni sorta di ingrediente.

I pinchos spagnoli sono una sorta di bruschetta arricchita in vari modi. Insieme a molte altre preparazioni costituiscono le cosiddette tapas, l’aperitivo per eccellenza della cucina ispanica. Devono il loro nome all’usanza, non sempre rispettata, di fissare tutti gli ingredienti con uno stuzzicadenti (pincho significa punta). Pensate che alcuni locali fanno pagare il conto proprio in base al numero di stuzzicadenti rimasti nel piatto!

Sebbene siano tipici soprattutto dei Paesi Baschi, oggi questa prelibatezza si è diffusa in tutta la Spagna. Come si fanno? Non esiste un unico modo di prepararli: si fa ricorso ad alcune ricette tradizionali che si prestano benissimo allo scopo come la tortilla di patate, il polpo alla galiziana e il celebre prosciutto. Oggi vogliamo darvi qualche suggerimento per preparare i pinchos seguendo alcune ricette tradizionali ma anche abbinamenti più nostrani.

Pinchos
Pinchos

Come preparare i pinchos

  1. Per prima cosa affettate il pane ciabatta in modo da ottenere delle fette spesse 1,5 cm.
  2. Tostatele poi su una bistecchiera fino a che non risulteranno croccanti e disponetele su un piatto.
  3. Dedicatevi ora alla preparazione delle varie farciture. Partendo dalle più classiche, tagliate a tocchetti la tortilla di patate e adagiatene un pezzetto su circa un quarto delle fette.
  4. Su un’altra parte di bruschette adagiate una fetta di jambon serrano, fissandola con uno stuzzicadenti.
  5. Proseguite poi con la versione di mare, ottenuta mescolando tonno, maionese e capperi tritati e decorando con una foglia di prezzemolo.
  6. Una volta ultimata l’aggiunta dei condimenti, fermateli con il famoso stuzzicadenti e gustateli appena fatti.

Se l’idea di preparare una serata spagnola vi intriga non vi resta che completare il tutto con una dissetante caraffa di sangria!

Pinchos: ricette

Oltre ai grandi classici indicati nella preparazione, ci sono molte ricette da preparare per sbizzarrirvi. Variate, ad esempio per quanto riguarda gli affettati: prosciutto cotto e fontina stanno benissimo insieme, ma anche bresaola e scaglie di grana, con l’aggiunta di un po’ di rucola. Suggeriamo anche prosciutto crudo e crescenza per bilanciare i sapori.

Invece, per quanto riguarda i pinchos vegetariani le verdure grigliate sono davvero perfette per questo scopo. Abbinatele in base ai vostri gusti, alternandole a salse di vario tipo.

Conservazione

I pinchos sono ottimi se gustati al momento. Potete sempre conservarli in frigo in un contenitore con coperchio a chiusura ermetica ma il meno possibile: il nostro consiglio è massimo mezza giornata.

0/5 (0 Reviews)

Torta di Primavera, perfetta per celebrare la bella stagione

Lasagne di pane: uno spettacolare piatto unico del riciclo