Raccolta e conservazione del tarassaco, il fiore di campo da essiccare o congelare per beneficiarne in ogni momento dell’anno.

Il tarassaco, conosciuto anche come dente di leone o soffione, è una pianta spontanea che produce un fiore dal colore giallo acceso. Oltre a crescere nei prati o sui bordi delle strade, questa pianta viene raccolta e utilizzato in ambito culinario e medicamentoso.

La parte che viene utilizzata è la radice, dove sono contenute le principali proprietà benefiche. Ci sono poi vari modi per conservare e utilizzare questa pianta in modo tale che se ne possano sfruttare tutti i suoi benefici.

Vediamo come raccogliere, conservare e utilizzare al meglio questo prodigioso e colorato fiore di campo.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

tarassaco
Fonte foto: https://pixabay.com/it/tarassaco-comune-setta-di-taraxacum-2891692/

Quando vanno raccolte le foglie tarassaco e come conservarle

La raccolta delle radici di tarassaco avviene da giugno a settembre. Da ottobre ad aprile, invece, si possono raccogliere le foglie, da consumare fresche in cucina. Queste dovranno poi essere conservate appena raccolte e successivamente essiccate o congelate.

Un metodo molto semplice per conservarle consiste nel lavarle, asciugarle e stenderle su un panno asciutto. A questo punto non dovrete fare altro che conservare le foglie in un contenitore ermetico in un luogo fresco e asciutto, possibilmente lontano da fonti di luce o calore.

Se, invece, volete congelarle riempite una pentola con acqua e ghiaccio, mettete sul fuoco e portate a ebollizione. Aggiungete le foglie e cuocetele per un minuto. Aspettate che si raffreddi il tutto e asciugate le singole foglie. Mettetele, infine, dentro dei contenitori di plastica o bustine trasparenti e riponetele in freezer.

Consumatele entro un anno per preparare tisane o deliziose ricette come quella dei ravioli al tarassaco!

Conservazione delle radici di tarassaco

La radice di tarassaco può essere congelata oppure essiccata. Per poter conservare al meglio la radice immergetela e sciacquatela sotto l’acqua corrente.

Successivamente, fatela asciugare all’aria aperta oppure stendendole su un panno in una zona fresca e asciutta. Infine, conservate la radice in un contenitore ermetico e conservatela lontano dalla luce.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/tarassaco-comune-setta-di-taraxacum-2891692/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 26-01-2018


I benefici dell’infuso di alloro contro il mal di pancia

I cibi ricchi di vitamina D e calcio, per ossa sane e forti