Topinambur in padella: la ricetta semplice

I topinambur in padella con trito di frutta secca sono contorno insolito ma raffinato, ideale anche come antipasto.

Il topinambur in padella è un contorno delizioso, che potrà incuriosire anche chi non ha mai avuto l’occasione di assaggiare questo ingrediente versatile e delizioso. Protagonista della ricetta di oggi è proprio il tubero dal sapore simile alla patata con delle sfumature di gusto che possono riportare alla mente i carciofi, motivo per il quale viene detto anche carciofo di Gerusalemme.

Prima di iniziare con la preparazione, è necessario sbucciarlo con un pelaverdure, proprio come fareste con una normale patata. Provatelo nella nostra ricetta di oggi, dove lo cuoceremo in padella per renderlo morbido e poi andremo a guarnire il piatto con un trito croccante di mandorle e noci!

Ingredienti per la ricetta dei topinambur in padella (per 4 persone)

  • 600 g di topinambur
  • mandorle e noci q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • olio extra vergine di oliva q.b.

DIFFICOLTA’: 1 | TEMPO DI COTTURA: 15′ | TEMPO DI PREPARAZIONE: 20′

Topinambur in padella
Topinambur in padella

Come cucinare i topinambur in padella

Per preparare il vostro piatto, sbucciate per bene i tuberi, poi con l’aiuto di una mandolina – oppure a mano con un coltello affilato – tagliate il topinambur a fettine sottili.

In padella scaldate qualche giro di olio extra vergine di oliva, poi versate le sfogliette di topinambur, aggiungete qualche cucchiaio di acqua calda, un po’ di sale e di pepe bianco o nero; lasciate cuocere per un quarto d’ora, finché il tubero non sarà ormai cotto, e quindi morbido. Se la possedete, consigliamo di usare una casseruola in modo che il calore vengo distribuito in modo uniforme.

Non vi resta che impiattare: potete portarlo in tavola direttamente nella pentola di cottura per un effetto un po’ rustico. Sopra alle fettine di topinambur spolverizzate con il trito di mandorle e nocciole, che darà un tocco croccante al piatto e buon appetito!

Consigli e conservazione

Un idea in più: aiutandovi con un cucchiaio, potete realizzate una quenelle con della polpa di pomodori: darà anche colore alla portata!

Conservate in frigo all’interno di un contenitore ermetico, e consumatelo nei 2 giorni successivi, riscaldando all’occorrenza.

E se volete provare altre ricette con i topinambur, provate anche questi fantastici topinambur al forno!

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 30-11-2018

X