Esistono diversi tipi di olio da utilizzare in ambito alimentare per friggere, cucinare e condire nel modo migliore…

Oggi si può trovare in commercio non solo il pregiato olio extravergine di oliva o di cocco per condire e cucinare ma anche quello di palma o di colza, usati in grandi quantità per produrre prodotti dolciari. In base al tipo di spremitura e al processo di lavorazione potete scegliere la qualità che preferite per friggere, cucinare o condire.
Vediamo quali sono le varie tipologie di olio che si trovano in commercio e quali usare a seconda delle varie necessità.

Olio di colza

olio di colza
olio di colza

L’olio di colza viene prodotto dai semi di colza, e difficilmente si trova nei supermercati in quanto viene principalmente utilizzato per la produzione alimentare e industriale.

Conosciuto anche con il nome di olio di canola, è considerato il più sano tra tutti i comuni oli da cucinare in quanto ha un’elevata resistenza alle alte temperature e riesce, dunque, a mantenere le sue proprietà nutritive quali Omega 3, 6 e 9 e vitamina E.

Olio di palma

olio di palma
olio di palma

L’olio di palma, invece, è un grasso di origine vegetale, ricco di grassi saturi quasi al 50% ed è ottimo per la preparazione dei prodotti da forno in quanto simile al burro in consistenza.
I vantaggi principali di questo prodotto sono due: l’essere resistente alle alte temperature e l’avere un sapore neutro che non altera il prodotto finale.

Olio di cocco

Burro di cocco nella cosmesi
Burro di cocco

L’olio di cocco è un particolare grasso che fa bene alla pelle e aiuta a ridurre l’appetito. Quest’olio viene estratto dalla noce di cocco e ha un’elevata percentuale di acidi grassi saturi e quindi bisogna consumarlo in piccole dosi. Tra gli effetti benefici vi sono l’effetto di stimolare il metabolismo a funzionare più velocemente e quindi aiuta a bruciare più calorie.

Inoltre, favorisce il senso di sazietà e, dunque, a mangiare di meno e a tenere sotto controllo il peso corporeo. Da utilizzare per condire verdure, pesce o preparare dolci.

Olio di mandorle

olio di mandorle
olio di mandorle

Viene ricavato dalla spremitura a freddo delle mandorle ed è un ottimo antiossidante e antismagliature grazie alla presenza di vitamina E, A e D e acido linoleico.

Può essere usato in cucina per condire insalate e verdure, oppure potete versarne qualche goccia nel latte.


I consigli per affilare i coltelli con la pietra abrasiva e di diamante

Come pulire le acciughe (o alici) fresche e sotto sale