Che cos’è lo zucchero invertito e come viene utilizzato in ambito culinario? Tutti i pro e i contro per la salute e la produzione dolciaria.

Lo zucchero invertito è una miscela di glucosio e fruttosio; esteticamente si presenta di colore bianco con sfumature paglierine ed è cremoso. Di solito viene utilizzato nella preparazione di prodotti da forno grazie alla sua capacità di caramellare in fretta e quindi ai minori tempi di cottura richiesti. Inoltre, dopo la cottura, i dolci risultano più morbidi e fragranti.

Potete acquistarlo nei supermercati, anche se è un po’ difficile da reperire, però è possibile trovarlo insieme ad altri dolcificanti naturali. Vediamo come utilizzarlo in cucina e quali sono i suoi vantaggi.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

zucchero invertito
Fonte foto: https://pixabay.com/it/miele-cucchiaio-giallo-oro-2045580/

Zucchero invertito: utilizzo

Si trova naturalmente nel miele e nei frutti più zuccherini come ad esempio l’uva. A livello industriale è molto diffuso e viene utilizzato nella preparazione di molti prodotti da forno. Rispetto al classico zucchero ha un forte potere dolcificante, circa il 30% in più rispetto al saccarosio e quindi se ne usa meno.

Per questi motivi trova un ampio utilizzo nella produzione di gelati, biscotti e prodotti da forno. Ideale anche per preparare crema e cioccolato spalmabile.

Zucchero invertito: come sostituirlo

Il prodotto naturale che più si avvicina allo zucchero invertito è il miele. Questo è quasi identico sia nella consistenza che nella composizione.

Si consiglia di utilizzare un miele dal gusto delicato in modo da garantire un sapore neutro. Diluitelo con dell’acqua tiepida e sarà pronto all’uso.

Lo zucchero invertito fa male?

Oramai lo si trova praticamente su quasi tutte le merendine e prodotti confezionati, ma ha anche i suoi effetti negativi. Il fruttosio stimola la secrezione di insulina e come conseguenza si fa raggiunge molto tardi il senso di sazietà. I motivo per cui trova un ampio successo nella produzione industriale è perché dona morbidezza e un aspetto appetitoso.

L’assunzione di fruttosio, dunque, non è controllata dagli ormoni e questo crea dei disagi a livello fisico. Un eccessivo consumo porta, infatti, fastidiosi mal di pancia e difficoltà digestive oltre che causare un aumento di peso in caso di eccessivo consumo.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/miele-cucchiaio-giallo-oro-2045580/

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 04-10-2018


Croste di formaggio: come riusarle in cucina

Cuocere a bagnomaria: consigli della nonna per un risultato ottimale