Ingredienti:
• 400 g di grano precotto
• 320 g di farina
• 350 g di ricotta di pecora
• 300 g di zucchero
• 200 g di burro (oppure 150 g di strutto + 50 g di burro)
• 100 ml di latte
• 100 g di canditi
• 8 uova intere
• 1 limone
• 1 arancia
• 1/2 fiala di acqua di fiori d'arancio
• cannella q.b.
• zucchero a velo q.b.
• sale q.b.
difficoltà: difficile
persone: 8
preparazione: 30 min
cottura: 60 min
kcal porzione: 263

Con la ricetta della pastiera napoletana realizziamo alla perfezione e portiamo in tavola un dolce di Pasqua tipico della tradizione partenopea!

La ricetta della pastiera napoletana originale è perfetta se volete portare in tavola un dolce goloso e tipico della tradizione italiana. Sebbene non sia proprio un dolce semplicissimo da realizzare, vedrete che con un po’ di attenzione (e di pratica) riuscirete ad ottenere degli ottimi risultati.

La pastiera di grano, oltre ad essere un vero e proprio manicaretto squisito, abitualmente viene portato in dono come augurio di buona prosperità durante le festività pasquali. Secondo la tradizione, infatti, un alimento come il grano è di buon auspicio, e in questa ricetta viene reso sicuramente più gradito dal profumo della primavera portato dai fiori d’arancio.

Che ne dite, ci mettiamo all’opera? Allora seguiteci in cucina e preparate con noi la pastiera napoletana!

Come fare la pastiera napoletana: ricetta originale

9 ricette autunnalli per la tua tavola

preparazione della pastiera napoletana
preparazione della pastiera napoletana

La preparazione di questo dolce di Pasqua si divide in diverse fasi, che abbiamo separato per comodità:

Come fare la pasta frolla per pastiera

pasta frolla per pastiera
pasta frolla per pastiera

Se lo desiderate, potete partire con della frolla già pronta (in tal caso ve ne servianno due rotoli), ma noi vi consigiamo di farla in casa. Degli ingredienti già indicati, vi serviranno:

  • 300 g di farina
  • 150 g di burro (o strutto)
  • 4 uova
  • 200 g zucchero
  • la scorza di 1 limone
  • 1 presa di sale
  1. Cominciamo subito a preparare la pasta frolla: mettete sulla spianatoia la farina con il burro a pezzetti, dopo averlo lasciato almeno un’ora a temperatura ambiente.
  2. Lavorate l’impasto aggiungendo le uova, lo zucchero, la scorza del limone e una presa di sale. Ricordatevi che la pasta frolla va lavorata il meno possibile e che le mani devono rimanere fredde.
  3. Avvolgete nella pellicola e mettete la pasta in frigorifero per almeno un’ora, anche se un’intera notte sarebbe ancora meglio.

Per andare un po’ più veloci, potete preparare la pasta frolla anche con l’aiuto del mixer. In tal caso, mettete nel contenitore gli stessi ingredienti descritti sopra e azionate il dispositivo fino a quando si forma una palla.

Per approfondire le origini di questa preparazione, ecco il nostro approfondimento sulla pasta frolla per pastiera (lo spaevate che la tradizione vorrebbe l’uso dello strutto?).

Ripieno

ripieno per pastiera
ripieno per pastiera

Degli ingredienti già indicati, vi serviranno:

  • 400 g di grano precotto
  • 20 g di farina
  • 350 g di ricotta di pecora
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 100 ml di latte
  • 100 g di canditi
  • 4 tuorli e 3 albumi
  • 1 arancia
  • 1/2 fiala di acqua di fiori d’arancio
  • cannella q.b.
  • zucchero a velo q.b.
  1. Per il ripieno, versate il grano nel latte, aggiungendo il burro, la scorza grattugiata di un’arancia, due cucchiai di zucchero (circa 40 g), i 20 g di farina avanzati e una quantità di cannella pari a un cucchiaino da caffè.
  2. Mescolate e alla fine aggiungete l’acqua di fiori d’arancio, quindi lasciate raffreddare il tutto.
  3. In una ciotola, ponete 4 tuorli e lo zucchero avanzato (60 g), quindi montateli fino a ottenere una crema spumosa.
  4. Aggiungete lentamente la ricotta, i canditi e il composto di grano che avete fatto raffreddare.
  5. Infine, incorporate a cucchiaiate, i 3 albumi montati a neve ben ferma.
  6. Accendete il forno e impostate la temperatura a 180 °C.
  7. Stendete la pasta frolla, tenendo da parte circa 1/4 del totale. Realizzate un cerchio di 30 centimetri abbondanti di diametro e mezzo centimetro di spessore. Per una tortiera da 24/26 cm andrà bene.
  8. Prendete una tortiera, foderata con carta da forno e disponete la pasta al suo interno. Con una forchetta praticate dei fori sul fondo della pasta.
  9. Versate il ripieno, livellandolo con un leccapentola.
  10. Con la pasta che avete tenuto da parte prima, realizzate delle striscioline di circa un centimetro di larghezza. Disponetele sulla torta incrociandole a formare delle losanghe, quindi mettete la torta in forno.

Cottura della pastiera

cottura per pastiera
cottura per pastiera
  1. La cottura della pastiera è di circa un’ora in forno statico alla temperatura di 180°C, ma in alcuni casi anche una decina di minuti in più.

Ogni forno è diverso: per qualcuno potrebbe essere necessario abbassare la temperatura o coprirla con un foglio di alluminio (se notate che rischia di bruciarsi). In questo caso non possiamo consigliarvi di fare la prova dello stecchino per capire quando è cotta perché è un torta abbastanza umida. Se volete un piccolo trucchetto, però, capirete che è pronta quando la parte centrale non si muove più scuotendola leggermente.

Fate raffreddare la pastiera e poi cospargetela di zucchero a velo prima di portarla in tavola. Buon appetito!

Come fare il grano cotto per pastiera: ricetta

grano cotto per pastiera
grano cotto per pastiera

Al giorno d’oggi, con i ritmi della vita moderna è molto difficile che qualcuno faccia il grano cotto in casa per via della sua lunghissima preparazione (già la pastiera, di per sè, non è certo una torta veloce!). Però, se non riuscite a comprarlo, o se per semplice curiosità volete realizzarlo con le vostre mani, vi spieghiamo come farlo. Vi servono:

  • 200 g di grano
  • acqua q.b.
  1. Procuratevi circa 200 g di grano e lasciatelo in ammollo per circa 5 giorni, cambiando l’acqua ogni sera.
  2. Sciacquatelo e ponetelo in un tegame, con almeno 4 cm di acqua. Coprite e fate cuocere a fuoco lento per un’ora.
  3. Trascorso questo tempo, l’acqua si sarà assorbita: aggiungetene altra e fate cuocere per altre 4 ore. Il fuoco deve essere sempre basso e controllato: se manca acqua, aggiungetene all’occorrenza dell’altra bollente.
  4. Scolate e, prima di procedere con le realizzazione del ripieno della pastiera come indicato sopra, pesatene la corretta quantità (400 g).

Conservazione, consigli e varianti della pastiera napoletana

Pastiera napoletana
Pastiera napoletana

Se intendete realizzare a mano tutte le componenti, vi consigliamo di dividere il lavoro in due giornate (o in mattino e pomeriggio): prima realizzate la frolla, la crema pasticcera ed eventualmente anche il grano cotto; poi procedete con il ripieno, l’assemblaggio e la cottura. La tradizione, inoltre, vuole che questo torta venga realizzata il Giovedì Santo e che non venga consumata prima di Pasqua: in questo modo i sapori potranno amalgamarsi alla perfezione.

Nella ricetta tradizionale non ci va la crema, ma secondo alcuni conferisce un aroma imperdibile quindi, se volete provare, ecco la pastiera con crema pasticcera.

Non tutti amano i canditi, quindi se lo desiderate, potete anche ometterlo (o sostituirli con delle gocce di cioccolato).

Conservate in frigo per un massimo di circa 3 giorni.

Servitela al termine del vostro menu di Pasqua: sarà un successone! Cosa ne dite provare anche la variante della pastiera di riso? Chi lo possiede, infine, può provare a fare la pastiera con il Bimby!

0/5 (0 Reviews)
TAG:
Pasqua

ultimo aggiornamento: 03-04-2020


Particolari spaghetti di quinoa con sugo di calamari (gluten free)

Pizza di patate, la ricetta che ti salva la spesa