Un condimento sfizioso, da abbinare in base ai vari piatti: ecco come fare oli aromatizzati.

Gli oli aromatizzati daranno un tocco gourmet a qualunque pietanza.

Aggiunto a crudo, naturalmente, per non perdere le proprietà organolettiche, l’olio aromatizzato può esaltare insalate di qualunque tipo, contorni freschi ed estivi, paste fredde, insalate di riso, couscous, verdure cotte o crude, passati vegetali, tartare, carpacci, pesci, uova, minestroni e innumerevoli altre preparazioni.

Fare l’olio aromatizzato in casa è davvero semplice.

Gli unici occorrenti sono dei barattoli di vetro a chiusura ermetica, un imbuto e un colino, infine delle bottigliette piccole per contenere il prodotto finito (e delle etichette per distinguerli subito).

Come base potete utilizzare dell’olio extra vergine di qualità e tantissime spezie diverse.

Per preparare i vostri oli aromatizzati non dovete fare altro che sterilizzare in acqua bollente i barattoli di vetro. Dopo averli accuratamente asciugati, inserite le erbe aromatiche, poi versate l’olio.

Il riposo previsto affinché l’olio assorba il profumo e gli oli essenziali delle erbe aromatiche è di circa 3 settimane – 1 mese. I barattoli vanno tenuti in un luogo fresco e buio.
Dopodiché, gli oli andranno filtrati con un colino e, con l’aiuto di un imbuto, trasferiti nelle varie bottigliette ed etichettati.

oli
oli

Ecco le varie opzioni di olio aromatizzato tra cui potete scegliere.

OLIO AROMATIZZATO ALLA SALVIA (una decina di foglie per 500 ml)

OLIO AROMATIZZATO AL BASILICO (una quindicina di foglie)

OLIO AROMATIZZATO ALLA MENTA (6-7 foglie)

OLIO AROMATIZZATO ALL’ORIGANO FRESCO (tre rametti)

OLIO AROMATIZZATO AL PEPERONCINO (5-10 peperoncini essiccati)

OLIO AROMATIZZATO AL ROSMARINO (tre rametti)

OLIO AROMATIZZATO ALL’AGLIO (5-8 spicchi d’aglio)

OLIO AROMATIZZATO ALLO ZENZERO (30 grammi di radice)

OLIO AROMATIZZATO AL LIMONE (buccia di 2-3 limoni non trattati, senza arrivare alla parte bianca che è amara)

Servite i vostri oli aromatizzati per condire piatti freschi o caldi, crudi o cotti.

BUON APPETITO!

Fonte foto: Flickr


Come riconoscere ananas fresco

Come fare lingue di gatto