Ingredienti:
• 250 g di pane raffermo
• 1 uovo
• 250 g di latte
• 200 g di farina
• sale q.b.
• pepe q.b.
• noce moscata q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 20 min
cottura: 5 min
kcal porzione: 280

Gli gnocchi di pane raffermo sono un piatto di recupero facile da fare e buono da servire in qualsiasi occasione: vediamo insieme la ricetta!

Le ricette con il pane raffermo sono utilissime perché ci permettono di riciclare gli avanzi di pane ed evitare sprechi alimentari: oggi vediamo come fare gli gnocchi di pane, un primo piatto buonissimo e che si può abbinare a tantissimi sughi e condimenti favolosi.

L’impasto viene creato con la mollica del pane, ammorbidita con latte e uova, e la cosa bella è che una volta fatti potete dare loro la forma che più vi piace. Andiamo in cucina e vediamo subito come fare gli gnocchi fatti in casa con il pane avanzato!

10 ricette per tenersi in forma

Gnocchi di pane
Gnocchi di pane

Come fare gli gnocchi di pane raffermo

  1. Prendete il pane avanzato e con un coltello seghettato riducetelo a cubetti di piccola dimensione, preoccupandovi anche di eliminare la crosta.
  2. Aggiungete la farina, il sale, il pepe e un pizzico di noce moscata, che aromatizzerà l’impasto.
  3. A questo punto è il momento degli ingredienti che renderanno cremoso l’impasto: le uova e il latte! Mescolateli insieme a parte e una volta creato un composto omogeneo aggiungetelo gradualmente al pane.
  4. Mescolate bene il tutto e lasciate ammorbidire, aiutandovi magari con un cucchiaio di legno o una forchetta. Quando vi sembrerà che gli ingredienti dell’impasto saranno abbastanza amalgamati, cominciate a formare gli gnocchi con le mani.
  5. Fateli cuocere in abbondante acqua finché non verranno a galla, e una volta pronti pensate al condimento: da un semplice sugo al pomodoro a farli saltare in padella con burro, salvia e formaggio, trovate l’idea che più stuzzica la vostra fantasia e condite a dovere questi gnocchetti sfiziosi!

Vi sono piaciuti i nostri gnocchetti di pane? Allora non potete non provare tutte le nostre ricette con pane raffermo: ottime per riciclare i vostri avanzi in maniera gustosa!

Se volete altre ricette rapide, ecco tutti i nostri primi piatti veloci!

Una variante unica: gli gnocchi di pane alla Triestina

Gnocchi di pane alla triestina
Gnocchi di pane alla triestina

Molto simili ai canederli, una variante degli gnocchi di pane sono quelli alla triestina. Quindi chi siamo noi per non spiegarvi passo passo come preparare questa ricetta alternativa, che al gusto e alla vista è davvero molto diversa dalla ricetta originale.

Per prepararli vi serviranno:

  • 250 g di pane raffermo
  • 1 uovo
  • 250 g di latte
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • noce moscata q.b.
  • prezzemolo q.b.
  • 120 g di speck
  • 60 g di formaggio grattuggiato

Gli ingredienti non sono tanto diversi dalla versione classica, dovrete lavorarli un po’ diversamente tuttavia. Mettete in ammollo il pane raffermo nel latte per qualche ora, in modo che le pagnotte assorbano bene tutto il liquido. A questo punto strizzatelo bene, trasferitelo in una ciotola pulita e unite gli altri ingredienti: sale, pepe, noce moscata, prezzemolo fresco tritato, lo speck a cubetti (o pancetta) e il formaggio. Mescolate per bene e poi inglobate anche farina e l’uovo. Ora formate delle piccole palline della dimensione che preferite e tuffatele pochi minuti in acqua bollente salata per cuocerli. Quando torneranno a galla saranno pronti per essere conditi a piacere e serviti.

Conservazione

Da crudi potete conservarli per circa un giorno, coperti con un canovaccio, mentre da cotti andranno riposti in frigo per circa 2 giorni all’interno di un contenitore.

4/5 (1 Review)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 20-05-2022


Filetto di maiale all’aceto balsamico, una delizia emiliana

Quanto è sfiziosa la soça valdostana, un pasticcio di carne con verdure