Tra le tante classifiche stilate annualmente da TasteAtlas è possibile trovare anche quella dei piatti vegani maggiormente votati.

Inizia il nuovo anno e con questo ritorna con la sua X edizione il Veganuary, il mese di gennaio interamente dedicato all’alimentazione vegetale.

In occasione di questa iniziativa, vi proponiamo la classifica dei 50 piatti vegani più votati in tutto il mondo, pubblicata da TasteAtlas, all’interno della quale sono presenti anche diversi piatti italiani.

Piatti vegani
Piatti vegani

10 ricette detox per tornare in forma

La classifica di TasteAtlas: il podio

TasteAtlas, la guida alimentare mondiale online, oltre alle solite classifiche stilate annualmente, ne ha redatta una con i piatti vegani più votati.

Come si può leggere nella graduatoria all’interno del post sulla loro pagina Instagram, il primo posto se lo è aggiudicato lo Zeytoon parvardeh, un piatto iraniano a base di olive verdi, aglio, noci, menta, melassa di melograno e melograno e semi di Angelica. Al secondo posto troviamo invece il Guacamole, la salsa messicana a base di avocado. Infine, al terzo posto a pari merito, si leggono tre piatti: la Muhammara, una crema di peperoni e noci siriana, il Tempe goreng, un cibo tradizionale indonesiano a base di semi di soia fermentati, e il Badrijani, un piatto della Georgia sotto forma di involtini di melanzane e noci.

I piatti italiani all’interno della classifica

Sebbene non rientrino nei primi tre, tra i 50 migliori piatti vegani sono presente ben 8 ricette italiane. Al settimo e ottavo posto, dunque nella top 10, ci sono gli spaghetti aglio e olio e le tagliatelle ai funghi. Troviamo poi anche pasta e ceci, Bruschetta al pomodoro, Pasta con pomodorini e basilico, penne all’arrabbiata, caponata e pizza marinara.

Di seguito si possono leggere i nomi di altri piatti che rientrano tutti nella classifica dei migliori 50, e che possono essere utilizzati e sperimentati durante Veganuary…ma non solo.

Veganuary: cos’è e in cosa consiste l’iniziativa

Negli ultimi anni, la consapevolezza sull’importanza di adottare un regime alimentare e uno stile di vita sostenibile per il benessere del pianeta e degli animali è cresciuta significativamente. Le nostre scelte quotidiane a tavola hanno infatti un impatto diretto sull’ambiente e possono fare la differenza anche a livello di cambiamento climatico.

É proprio in questo contesto che nasce il Veganuary, l’iniziativa globale che incoraggia a mangiare per tutto il mese di gennaio alimenti che non contengono derivati animali.

A partecipare all’iniziativa sono sempre più persone, con 700 mila adesioni in tutto il mondo nel 2023 da parte di individui che hanno scelto di impegnarsi per 31 giorni a non acquistare e consumare carne, pesce ed altri derivati. Con adesione all’evento si intende infatti una vera e propria iscrizione al sito www.veganuary.it in modo tale da poter usufruire gratuitamente e per tutto il mese di suggerimenti e ricette per sperimentare un’alimentazione totalmente vegetale, sana e saporita.

Leggi anche
È tornato Veganuary: cos’è il mese vegano che vuole salvare gli animali (e il pianeta)

Riproduzione riservata © 2024 - PC

ultimo aggiornamento: 05-01-2024


La Sagra del Buongustaio di Reda di Faenza torna con una Winter edition

MasterChef Italia: quarta puntata tra Skill Test, Mistery Box e doppia eliminazione