Pane di sapa, dolce natalizio sardo

Pane di sapa, dolce natalizio sardo

Nel nostro viaggio tra le tradizioni dolciarie del Natale, incontriamo una ricetta sarda: il pane di sapa.

Il pane di sapa, conosciuto anche come pan ‘e saba o pane di saba, è un dolce che solitamente viene preparato in Sardegna durante le festività del mese di Novembre, ma che da tempo viene consumato per tradizione anche in occasione del Natale.

La sapa, detta anche mosto cotto (in Puglia si chiama “vincotto”), è lo sciroppo d’uva ottenuto dalla lavorazione del mosto. Ha un gusto molto dolce, e il suo nome deriva dal latino “sapor”. Questo dolce sardo è arricchito da scorza d’arancia, cannella, chiodi di garofano, ed è una autentica esplosione di aromi, che insieme creano una meraviglia gastronomica.

DIFFICOLTÀ: 2

COTTURA: 50′ circa

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′ (+ tempo lievitazione)

INGREDIENTI:

  • 500 gr di farina
  • 350 ml di sapa
  • 2 uova
  • 25 gr di lievito di birra
  • 1 chiodo di garofano
  • cannella
  • 150 gr di noci
  • 150 gr di mandorle
  • 150 gr di uva passa
  • 1 pizzico di sale
  • codette colorate

PREPARAZIONE:

Per preparare il vostro pane di sapa, tostate le mandorle con la pellicina e poi tritatele grossolanamente, unendole ai gherigli di noci, anch’essi tritati.

Fate sciogliere il lievito di birra in pochissima acqua tiepida, dopodiché potete impastarlo con un pizzico di sale, la farina di grano duro, e unire anche 270 ml di sapa (la restante la lascerete per la spennellatura finale).

Incorporate anche le uova a temperatura ambiente, il chiodo di garofano ridotto in polvere e la cannella.

Aggiungete anche l’uva passa, fatta ammollare, e poi impastate il tutto per bene, suddividendo in panetti e lasciandoli a lievitare per quattro ore, coperti.

Quando saranno lievitati, metteteli in forno a 180° per circa 45-50 minuti, dopodiché spennellateli con la sapa restante e spolverizzate con delle codette colorate.

Servite il vostro pane di sapa.

Per Natale, provate anche i biscotti salati

BUON APPETITO!

Fonte foto: Flickr

ultimo aggiornamento: 11-12-2015