Ingredienti:
• 350 g di maionese
• 500 g di patate
• 300 g di piselli
• 200 g di carote
• 50 g di cetriolini sott'aceto
• aceto di vino bianco q.b.
• sale q.b.
• olio extravergine di oliva q.b.
difficoltà: facile
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 40 min
kcal porzione: 315

Insalata russa, l”antipasto intramontabile e perfetto per una cena sfiziosa: ecco gli ingredienti e come prepararlo per non tradire la ricetta originale.

Oggi scopriamo la ricetta dell’insalata russa, un piatto che tutti quanti abbiamo assaggiato almeno una volta nella vita. Solitamente viene acquistata al supermercato o in gastronomia già pronta. Ma avete mai provato a realizzarla in casa? Perché vi assicuriamo che è davvero tutta un’altra cosa!

Cominciamo subito e andiamo alla scoperta della preparazione: molte ricette di questo antipasto hanno le uova mentre per qualcuno rappresenta solo una più gustosa variante. Parliamo della più grossa differenza perché poi per il resto la preparazione non ci sono dubbi. Ecco la magnifica insalata russa originale fatta in casa. 

Ricetta insalata russa originale: come si prepara

10 ricette per tenersi in forma

Insalata russa perché si chiama così
Insalata russa
  1. Cominciate dalle verdure: sbucciate le patate e le carote e lavate tutto accuratamente sotto acqua corrente.
  2. Una volta fatto, tagliatele a piccoli cubetti, cercando di rispettare la dimensione dei piselli.
  3. A questo punto fate cuocere le verdure a cubetti in acqua bollente, cercando di mantenere una consistenza croccante. Fate lo stesso con i piselli.
  4. Una volta scolate le verdure, lasciatele raffreddare condendole con dell’olio, sale, un cucchiaio di aceto e i cetriolini tagliati a fettine.
  5. Condite con la maionese
  6. Lasciate in frigorifero per almeno un’oretta e servite l’insalata fredda. Buon appetito!

Volete preparare invece una insalata russa vegana? Potete seguire la nostra ricetta, e lo stesso vale per l’insalata russa light

Insalata russa: le varianti

Ora che conoscete la ricetta dell’insalata russa fatta in casa, nessuno vi vieta di provare delle varianti! Se volete arricchire il piatto, ad esempio, potete aggiungere delle uova sode (che come detto per qualcuno sono parte integrante dell’insalata russa tradizionale), oppure mescolare con la maionese del tonno, che darà un sapore più deciso al tutto.

Per quanto riguarda le verdure, anche qui potete sperimentare con altri ingredienti, a patto che la loro consistenza sia adatta. Ad esempio potete provare con gli asparagi, che daranno un sapore davvero originale alla portata!

Insalata russa: i consigli

Per un’insalata russa coi fiocchi, ovviamente, dovete assicurarvi di esservi procurati delle materie prime di grande qualità. Per quanto riguarda la maionese, invece, se la farete in casa avrete fatto bingo! Se, però, non vi sentite sicuri nel farla, o magari non avete tempo, acquistate della maionese di qualità.

Il vero trucco, però, sta nella dimensione delle verdure e nel gioco di consistenze. Una buona insalata deve essere cremosa ma al tempo stesso garantire la croccantezza delle verdure, quindi fate attenzione a non cuocerle troppo, altrimenti rischierete di ottenere una purea! Inoltre, cercate di fare dei tagli delle verdure tutte uguali!

Conservazione

Questa ricetta facile e veloce (e tutte le sue varianti) si può conservare per massimo 1 giorno in frigorifero, all’interno di un contenitore con coperchio a chiusura ermetica. Sconsigliamo la congelazione in freezer.

Insalata russa: la storia del piatto

Il piatto, come suggerisce il nome, è una ricetta della tradizione russa e la sua invenzione risale alla seconda metà dell’Ottocento. Fra le ipotesi più accreditate, si crede che a dare origine a questa preparazione sia stato lo chef Lucien Olivier, un cuoco belga di origine francese che lavorava nelle cucine del ristorante Hermitage, a Mosca.

Fu proprio lui a iniziare a proporre dei piatti di ispirazione francese ma adattandoli al gusto dei russi, fra cui l’insalata Olivier, nome che viene ancora utilizzato oggi in Russia… anche se pare che gli ingredienti fossero inizialmente diversi da quelli che oggi utilizziamo per la ricetta!

1.5/5 (4 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC


La ricetta delle ciliegie al maraschino per cocktail, una vera goduria!

Contorno vegano? Ecco a voi le melanzane con finta maionese