Tutto quello che bisogna sapere sullo zucchero di canna: è vero che fa male? Perché è meglio preferirlo a quello bianco?

Lo zucchero di canna è oramai ampiamente diffuso nella cucina di tutti i giorni. Molti, addirittura lo sostituiscono al classico zucchero bianco credendo che sia più salutare o semplicemente perché si sono abituati al sapore. In commercio si possono trovare varie tipologie, più o meno costose e dalla consistenza, dall’odore e dal gusto variabili.

Scopriamo quali sono le calorie e i vantaggi e svantaggi nell’utilizzare questo tipologia di zucchero tutti i giorni per dolcificare bevande o per la preparazione di dolci.

zucchero di canna
Fonte foto: https://pixabay.com/it/zucchero-zucchero-di-canna-sweet-1354787/

Zucchero di canna: varietà

La tipologia di zucchero di canna più diffusa è quella che generalmente troviamo nelle bustine dei bar. Vi sono, però delle tipologie più ricercate e costose.

Lo zucchero di canna integrale, il più pregiato, viene lavorato in modo naturale per poterne conservare tutte le proprietà nutritive. Questo contiene una minore percentuale di saccarosio rispetto allo zucchero normale ed è più ricco di nutrienti. Il suo colore è scuro e i granelli sono piccoli e irregolari. Si riconosce immediatamente per la sua consistenza morbida e un odore intenso.

Troviamo anche lo zucchero muscovado, non raffinato e con un forte sapore di melassa. Di colore molto scuro, granuloso e compatto. Ha la caratteristica di contenere 28o calorie per 100 grammi.

Infine, c’è lo zucchero di canna demerara, dalla grana grossa e dal colore dorato. Questo è privo di residui chimici in quanto non è stato sbiancato e viene ricavato dal puro succo di canna da zucchero.

Zucchero di canna: calorie

Per quanto riguarda le calorie lo zucchero di canna e lo zucchero bianco sono identici. Preferire uno all’altro è dovuto essenzialmente a uno questione di gusto in quanto quello di canna è meno dolce e ha la caratteristica di sciogliersi meno in tazzina.

Le calorie sono infatti circa 380 per quello di canna e 390 per quello bianco: la differenza è quasi inesistente. Non pensate dunque, che posso servire nelle diete dimagranti o che se ne possa abusare. Provatelo invece nella preparazione di torte o biscotti molto dolci per ottenere un gusto più leggero.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/zucchero-zucchero-di-canna-sweet-1354787/

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Cuocere a bagnomaria: consigli della nonna per un risultato ottimale

Tante idee per riciclare la buccia di banana