Mangiare sano non significa rinunciare alle cose buone: per esempio, i burger di amaranto e quinoa con trito di carote sono deliziosi!

In un regime alimentare controllato e comunque che rispetti gli equilibri dell’organismo, introdurre cibi come l’amaranto può essere solo una nota positiva. Per esempio, i burger di amaranto e quinoa con trito di carote possono andare a sostituire, almeno una volta ogni tanto, i classici burger preparati con la carne macinata.

L’amaranto è infatti un vero portento: contiene un amminoacido importante come la lisina, in dosi significative, ed è molto ricco di fibre. In questo caso lo abbiniamo alla quinoa, ma se volete potete utilizzare anche solo l’amaranto.

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: variabile

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

INGREDIENTI: *4 persone*

  • 100 gr di amaranto
  • 100 gr di quinoa
  • brodo vegetale
  • 2 carote medie
  • farina q.b.
  • pangrattato q.b.
  • qualche foglia di spinacio
  • curcuma, paprika o altre spezie a vostro gusto
  • olio extra vergine di oliva
  • sale

PREPARAZIONE:

Per preparare i vostri burger di amaranto e quinoa con trito di carote, per prima cosa dovete mettere a lessare la quinoa e l’amaranto. Seguite le indicazioni solitamente riportate sulla confezione, cuocendo quinoa e amaranto nella stessa pentola, ovviamente versando dopo l’ingrediente che cuoce in minor tempo. Vi suggeriamo, se ne avete la possibilità, di cuocere quinoa e amaranto nel brodo vegetale, in modo che i burger abbiano ancora più sapore. In alternativa, andrà bene anche della semplice acqua salata.

Mentre i due ingredienti cuociono, tritate le carote finemente, con una grattugia o con un mixer. In una padella coperta, e senza olio, cuocete anche qualche foglia di spinacio fresco, se volete dare un tocco in più di sapore, poi sminuzzateli.

Una volta cotti amaranto e quinoa, lasciateli per una decina di minuti a intiepidirsi, e poi mescolateli agli spinaci e alle carote. Aggiustate di sale e poi introducete nel composto quanto basta di farina e di pangrattato, oltre alle spezie. Regolatevi nelle quantità in modo tale che possiate ottenere la consistenza perfetta per fare delle svizzere. Una volta formati i burger, cuoceteli in padella con dell’olio extra vergine di oliva.

Servite i vostri burger di amaranto e quinoa con trito di carote con una bella insalata fresca o in un panino.

Da provare anche i burger di quinoa e avocado

BUON APPETITO!

“patty cake” by gail, used under CC BY 2.0 /Modified from original

 

0/5 (0 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

ultimo aggiornamento: 07-06-2016


Polpette di carne e patate con carciofi al sugo d’arrosto

Gamberoni in salsa rosa con riso rosso su paté di olive nere