Chi è Carlo Cracco, chef ed ex giudice di MasterChef Italia

Quello che non sapete su Carlo Cracco, il migliore allievo di Marchesi

Il selfmade-chef innamorato della sua Rosa Fanti ha inaugurato a febbraio 2018 il “Ristorante Cracco” proprio davanti al Duomo di Milano. Ecco la vita di Carlo Cracco, oltre MasterChef.

Carlo Cracco è nato a Vicenza nel 1965. Divenuto mediaticamente celebre per aver condotto dal 2011 al 2017 la famosa trasmissione culinaria “MasterChef Italia” accanto a Joe Bastianich, Antonino Cannavacciuolo e Bruno Barbieri, si tuffa sin da adolescente nel mondo della cucina frequentando l’istituto alberghiero “Pellegrino Artusi” di Recoaro Terme.

La biografia di Carlo Cracco

Le sue origini sono modeste: il padre era ferroviere e, come la madre, arrotondava lo stipendio facendo tre lavori extra. Prima dei 30 anni la sua strada era già stata decisa: nel 1986, a soli 21 anni, si era già allontanato dalla sua Vicenza per andare a Milano e collaborare con lo chef Gualtiero Marchesi, uno dei più grandi chef italiani, venuto a mancare nel dicembre del 2017.

Questa collaborazione ha permesso a Cracco di fare altre esperienze in ristoranti in giro per l’Italia, da Savona a Bergamo, seguite da un soggiorno in Francia durato 3 anni accanto a figure come Alain Ducasse e Lucas Carton. Al suo ritorno trova di nuovo lo chef Marchesi ad attenderlo, con il quale riprenderà una collaborazione che durerà altri tre anni.

Da quel momento la sua carriera sarà in continua ascesa e presto diventerà uno degli chef più blasonati al mondo. Oggi si può dire che goda della stima di tutti i suoi colleghi, e lo dimostra anche l’invito a partecipare alla seconda cena charity dello chef Gordon Ramsey, Gordon Ramsey & Friends 2018. Oltre a Carlo hanno cucinato al Forte Village Fabio Pisani e Massimiliano Mascia.

Carlo Cracco
Carlo Cracco

I ristoranti di Cracco

Nel 1996 Cracco apre il suo primo ristorante “Le Clivie”, in provincia di Cuneo, che a un anno dall’apertura riceve già una stella Michelin! Cinque anni dopo, su richiesta della famiglia milanese Stoppani, apre il suo secondo (e pluripremiato) ristorante: “Cracco Peck” (che dal 2007, quando Carlo ne diventerà patron chef, cambierà il nome semplicemente in “Cracco”).

Nel 2014, sempre nel milanese, zona Navigli, sarà il turno di un bistrot e cocktail-bar, “Carlo e Camilla in segheria”. Il nome del bistrot deriva dalla sua location: una vecchia segheria in disuso costruita negli anni ’20 dalla famiglia della designer Tanja Solci, che ha affiancato Cracco nella gestione del progetto.

Nel febbraio 2018, Cracco decide di aprire un grande ristorante (ben 1118 metri quadrati e fornito di 4 cucine!) nel cuore di Milano, in Galleria Vittorio Emanuele II: il “Ristorante Cracco”. Il locale è suddiviso in quattro piani: al piano terra è situata la caffetteria, al primo piano si trova il ristorante e il secondo (il “Salone Particolare”) è pensato per gli eventi e i ricevimenti. Questi sono i piani accessibili al pubblico. Il terzo, invece, è dedicato alla pasticceria e al cioccolato.

La vita privata e il matrimonio con Rosa Fanti

All’apparenza un po’ burbero, Cracco si autodefinisce timido e tontolone: il primo bacio lo ha dato a 14 anni in spiaggia. Il fascino dell’età (e della barba) gli ha conferito il titolo di sex symbol, anche se in realtà ne è un po’ imbarazzato e fare “certi effetti” alle donne lo mette a disagio.

Divorziato dalla prima moglie, estranea al mondo dello spettacolo al punto che è difficilissimo persino scovare il suo nome, con la quale ha avuto due figlie (Sveva e Irene), si è sposato il 19 gennaio 2018 con la giovanissima Rosa Fanti: sono 17 gli anni che separano i due innamorati! Sicura, concreta e decisa: così Carlo definisce la sua Rosa. Tra loro è stato un colpo di fulmine: lei la donna perfetta e i due hanno due figli, Pietro e Cesare.

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 21-06-2018

X