Cipolline borettane sale e pepe

Un contorno di estrema semplicità, eppure… con un suo perché: cipolline borettane sale e pepe.

Le cipolline borettane sale e pepe saranno lo sfizio che potrete togliervi senza faticare troppo, anzi diciamo… per niente. Di solito le cipolline borettane si fanno in agrodolce, oppure al forno, mentre questa versione è talmente semplice e buona che sarà la soluzione ideale per mettere in tavola un contorno degno di questo nome in pochissimi minuti. Infatti basterà lessarle e condirle.

Queste cipolline, che devono il loro nome a Boretto (un comune in provincia di Reggio Emilia), possono essere un accompagnamento sfizioso a formaggi di ogni tipo, carni bianche e rosse, uova cotte in ogni modo, piatti a base di verdure e persino di pesce azzurro o di altro tipo: insomma, stanno bene con tutto, anche con del semplice pane.

Gli ingredienti per preparare questo contorno sono solo cipolline borettane, sale, pepe, e ovviamente del buon olio extra vergine di oliva, anche aromatizzato. Ah, certo… anche l’acqua per lessarle!

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 10′ circa

TEMPO DI PREPARAZIONE: 10′

INGREDIENTI: *4 persone*

  • 500 gr di cipolline borettane
  • acqua q.b.
  • olio extra vergine di oliva
  • sale fino
  • pepe bianco o nero

PREPARAZIONE:

Per preparare le vostre cipolline borettane sale e pepe, sbucciate le cipolline privandole dello strato più esterno e lavatele con cura.

Lessate le cipolline in una pentolina d’acqua, per una decina di minuti circa. Dovranno rimanere piuttosto morbide ma non sfaldarsi. Scolate le cipolline borettane e poi conditele con sale fino, pepe bianco o nero in grani macinato al momento di servire, e poi del buon olio extra vergine, volendo anche aromatizzato o grezzo (ovvero non filtrato), per dargli un gusto ancora più particolare.

Servite le vostre cipolline borettane sale e pepe come contorno ai piatti più disparati!

Provate anche le cipolle farcite

BUON APPETITO!

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 18-11-2015

Caterina Saracino

X