Come fare gnudi di ricotta e spinaci

Un primo piatto semplice da preparare ma di grande effetto: ecco come fare gnudi di ricotta e spinaci.

Gli gnudi di ricotta e spinaci sono una delle ricette più amate e conosciute della grande tradizione culinaria della Toscana.

Sono chiamati gnudi perché si tratta di ravioli… nudi, ovvero senza la pasta fresca che avvolge il ripieno di ricotta e spinaci. Difatti si tratta proprio dello stesso impasto, con differenti dosi degli ingredienti, utilizzato per farcire la pasta fresca.

Di solito gli gnudi si preparano con gli spinaci, ma nulla vieta di provare nuove versioni, ad esempio con bietole e bietoline, con la rucola o addirittura con le cime di rapa, a seconda del sapore più intenso o più delicato che vorrete dargli.

Tradizionalmente gli gnudi sono conditi con del semplice burro fuso e salvia, perché sono già molto saporiti, ma volendo potrete servirli insieme a panna da cucina, anche aromatizzata, o con un leggero sugo di pomodoro fresco o delle puree di verdura (ad esempio, zucca).

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 15′ circa (due cotture)

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

INGREDIENTI: *4 persone*

  • 1 kg di spinaci freschi
  • 600 gr di ricotta
  • 100 gr di parmigiano grattugiato
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di farina
  • noce moscata
  • sale

PREPARAZIONE:

Per preparare i vostri gnudi di ricotta e spinaci, cominciate a lavare con cura gli spinaci freschi. Versate gli spinaci in una padella, senza aggiungere acqua nè olio, e coprite la padella con un coperchio. Accendete una fiamma dolce e lasciate che gli spinaci cuociano nella loro stessa acqua. Saranno sufficienti pochi minuti.

Nel frattempo fate sgocciolare la ricotta fresca, in modo che la sua acquetta non vada ad ammollare troppo il composto.

Quando saranno cotti, strizzate per bene anche gli spinaci, e poi tritateli al coltello o, se preferite, con scatti rapidi in un mixer.

Mescolate la ricotta e gli spinaci in una ciotola, unendo anche le uova, il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale, una spolveratina leggera di noce moscata e due cucchiai di farina.

Formate delle pallette con il composto così ottenuto, dopodiché arrotolate ciascuna di queste pallette nella restante farina, in modo da sigillarle per la cottura.

Fate arrivare a ebollizione l’acqua, in una pentola, e mettete a cuocere gli gnudi – pochi per volta, per non farli attaccare fra di loro – scolandoli dopo circa 8 minuti.

Condite i vostri gnudi di ricotta e spinaci con burro e salvia o con i sughi che più vi piacciono.

Provate gli squisiti ravioli rosa di Valentina Pozzato

Spinaci

BUON APPETITO!

Fonte foto: Pixabay

ultimo aggiornamento: 10-11-2015

Caterina Saracino

X