Ingredienti:
• 70 g di acqua
• 20 g di curcuma
• pepe q.b.
• 200 ml di latte vegetale
• 1 cucchiaio di miele
difficoltà: facile
persone: 1
preparazione: 10 min
cottura: 10 min

Ecco a voi il golden milk: la ricetta originale del latte d’oro alla curcuma e tutti i benefici di questa bevanda miracolosa.

Oggi prepariamo il golden milk, una bevanda alla curcuma che viene anche chiamata latte d’oro o latte di curcuma. Ne avete mai sentito parlare? Si tratta di una delle ultime tendenze in cucina, e non è altro che un superfood preparato con 3 semplici ingredienti.

Se siete curiosi di sapere come prepararlo in casa e di scoprire tutti i benefici e le virtù di questa bevanda, allora siete nel posto giusto: andiamo in cucina e vediamo come fare.

Ricette di Primavera: 9 piatti per la tua tavola

Golden Milk
Golden Milk

Preparazione del golden milk

  1. Prima di tutto, bisogna cominciare dalla pasta di curcuma (le dosi sono per realizzare un quantitativo abbondante di circa 15-20 tazze, e una volta pronta ve ne servirà meno di mezzo cucchiaino). Fate bollire l’acqua in un pentolino, poi aggiungere la curcuma e il pepe una volta che sarà a temperatura e spegnete la fiamma. Girate bene il tutto finché non avrete ottenuto un composto omogeneo che potrete trasferire in un barattolo sterilizzato.
  2. Passiamo ora alla preparazione del latte: fate bollire il latte vegetale (potete usare mandorle, soia, riso o quello che preferite) e una volta che sarà quasi a temperatura, spegnete la fiamma.
  3. Trasferitelo in 1 bicchiere e aggiungete un cucchiaio abbondante di miele e 1/4 di cucchiaino (o poco meno di metà) di pasta di curcuma.
  4. Girate per bene, o se lo avete conservato in un barattolo, agitatelo dopo averlo sigillato con il tappo.
  5. Servite la bevanda ancora calda con una spolverata di curcuma in cima: buon appetito!

I benefici del golden milk e quando berlo

Oltre a contenere il miele, che ha tantissime proprietà benefiche per il nostro organismo, aiuta le difese immunitarie e combatte i numerosi sintomi influenzali. Molto importante è la curcumina, elemento contenuto nella radice della curcuma e che aiuta il colesterolo, stimola il metabolismo, depura il fegato e favorisce la digestione.

Per quanto riguarda i tempi di assunzione, l’importante è la costanza: prendete l’abitudine di berlo e di inserirlo nella vostra dieta con regolarità, magari il mattino a colazione o il pomeriggio a merenda, ma anche la sera vista la sua spiccata digeribilità!

Provate anche il nostro delizioso plumcake con curcuma e limone!

Conservazione

La pasta alla curcuma si conserva per circa 30 giorni in frigorifero, all’interno di un barattolo di vetro con coperchio. Invece il bicchiere di latte, miele e curcuma è bene consumarlo al momento o conservarlo per massimo 1 giorno sempre in frigo.

3/5 (2 Reviews)

Clicca qui per seguire Primo Chef su Instagram
Clicca qui per seguire Primo Chef su TikTok
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per seguire Primo Chef su Twitter

Riproduzione riservata © 2022 - PC

Cucina vegana

ultimo aggiornamento: 07-04-2022


Spaghetti alla Gennaro, la pasta di Totò

Polpette di melanzane fritte calabresi: un sfizio a cui è impossibile resistere