Come fare i passatelli: la ricetta originale tipica dell’Emilia Romagna

Ingredienti:
• 200 g di pane grattugiato
• 40 gr di farina
• 200 g di parmigiano grattugiato
• 4 uova
• noce moscata q.b.
• sale q.b.
• scorza di limone non trattato q.b.
difficoltà: media
persone: 4
preparazione: 30 min
cottura: 5 min
kcal porzione: 190

Una pasta dal sapore ricco, da abbinare con vari sughi o da cuocere in brodo: ecco come i fare passatelli romagnoli.

Se volete sapere come si fanno i passatelli, la ricetta della nonna che vi stiamo per proporre è quella giusta per voi. Si tratta di un primo piatto tipico della tradizione emiliana, una sorta di pasta composta da pane grattugiato, uova, Parmigiano Reggiano grattugiato, noce moscata e scorza di limone per aromatizzare il tutto.

In commercio ci sono degli appositi utensili (ad esempio il ferro per passatelli) per dare all’impasto la forma tipica, ma in alternativa si può usare uno schiacciapatate.

Sono un piatto tipico dell’Emilia-Romagna, ma anche delle Marche e dell’Umbria. Oggi però sono talmente celebri che vengono preparati in molti ristoranti in tutta Italia. Ideali sia in brodo che asciutti, sono molto saporiti e assorbono bene i condimenti; sono usatissimi pure per preparare delle minestre, quindi con il brodo di carne, spesso anche con un uovo stracciato dentro.

Insomma, siete pronti? Allora andiamo a prepararli insieme!

Passatelli
Passatelli

Come preparare i passatelli emiliani fatti in casa

  1. Unite in una ciotola il pane grattugiato, la farina e il parmigiano grattugiato. Mescolate bene e aggiungete le uova sbattute, due pizzichi di sale, la scorza di limone biologico e una spolveratina di noce moscata.
  2. L’impasto dovrà risultare omogeneo e abbastanza lavorabile, per cui se vi dovesse sembrare troppo molle aggiungete un altro po’ di pane grattugiato. Quando non si attaccherà più alle mani, lasciatelo riposare per almeno un paio d’ore.
  3. A questo punto Inserite l’impasto in uno schiacciapatate dai fori larghi almeno 5 millimetri e date vita ai passatelli, che dovranno essere lunghi almeno 5 centimetri.
  4. Per quanto riguarda la cottura, la prima opzione è quella di farli cadere direttamente nell’acqua salata, la seconda è quella di metterli su un canovaccio pulito (avendo cura di non sovrapporli, per non farli attaccare) e di usarli in un secondo momento. Vi consigliamo quest’ultima, così da far riposare la pasta per un’altra mezzoretta.

Come condire i passatelli: li preferite asciutti o in brodo?

Se chiaramente volete preparare dei passatelli in brodo, allora tuffateli direttamente nel brodo caldo finché non verranno a galla. Non ci vorrà molto, circa un paio di minuti e saranno pronti, anche perché devono rimanere morbidi, ma non sfaldarsi!

Ah, e ovviamente ricordatevi che il brodo va di carne, rigorosamente!

Qual è invece il condimento per passatelli asciutti per eccellenza secondo la tradizione? Innanzitutto potete cuocerli in acqua bollente, ma anche nel brodo, rispettando la tradizione emiliana.

Una volta fatto bisogna pensare al sugo. Tuttavia, non esiste solamente una ricetta per passatelli asciutti, ma tantissime varianti: fonduta di parmigiano, burro e parmigiano, sughi di pesce, carciofi… sono tanti i modi per esaltare questo primo piatto.

Vi sconsigliamo di usare la salsa di pomodoro, che non è il massimo per valorizzarli. Puntate piuttosto a dei sapori più rustici. Ad esempio potete prepararli con un sugo di taleggio e speck, con delle verdure di stagione, facendo una sorta di carbonara di carciofi, oppure con salsiccia e radicchio.

Provate anche le lasagne alla bolognese!

Aggiungi al ricettario

ultimo aggiornamento: 09-03-2019

X