Insalata d'orzo con bietoline e pomodori con olio piccante

Insalata d’orzo con bietoline e pomodori con olio piccante

Un contorno con molta personalità, ma all’insegna del benessere: insalata d’orzo con bietoline e pomodori con olio piccante.

L’insalata d’orzo con bietoline e pomodori con olio piccante potrà essere un contorno sano, naturale e capace di esaltare anche qualcosa di semplice come un uovo al tegamino, un tagliere di formaggi e salumi, una fetta di carne alla piastra o del pesce al forno.

In estate potrà costituire esso stesso un primo piatto, magari da arricchire con dei dadini di feta o di altro formaggio.

DIFFICOLTÀ: 1

COTTURA: 30′

TEMPO DI PREPARAZIONE: 30′

INGREDIENTI: *4 persone*

  • 250 gr di orzo perlato
  • 250 gr di pomodori ciliegino
  • 1 mazzetto di bietole fresche
  • 2 spicchi di aglio
  • peperoncino fresco (o in polvere, in alternativa)
  • olio extra vergine di oliva
  • sale fino e sale grosso

PREPARAZIONE:

Per preparare la vostra insalata d’orzo con bietoline e pomodori con olio piccante, per prima cosa pulite e lessate le bietoline in acqua salata. Sbucciate e schiacciate gli spicchi di aglio, dopo averli privati del germoglio interno, poi fateli rosolare in padella con qualche giro di olio extra vergine di oliva e qualche pezzetto di peperoncino fresco o in polvere, per dare un tocco di piccante. Fate insaporire per bene le bietoline.

Tagliate a pezzetti i pomodori ciliegino, e se volete potete far saltare anch’essi in padella, insieme alle bietole e al peperoncino, aggiustando di sale.

A parte, cuocete l’orzo perlato in acqua salata con del sale grosso, seguendo le istruzioni e la tempistica riportate sulla confezione. Quando l’orzo sarà ben cotto, ma ovviamente non sfatto, versatelo in una ciotola e mescolatelo alle bietole saltate e ai pomodori. Aggiungete qualche altro giro di olio extra vergine di oliva.

Servite la vostra insalata d’orzo con bietoline e pomodori con olio piccante come contorno ai vostri piatti.

Provate anche l’orzotto allo zafferano

BUON APPETITO!

Fonte foto: Flickr

ultimo aggiornamento: 21-01-2016