Stanno per tornare le belle stagioni e presto sarà tempo di accendere il barbecue: ecco come marinare la carne prima di grigliarla.

Marinare la carne prima di grigliarla è un passaggio molto importante, per far sì che la carne possa assorbire dei gusti più intensi, o più freschi, e sprigionare piacevoli aromi.

La marinatura della carne è una procedura che esiste già da secoli. Sembra che i primi a conoscere questo passaggio siano stati gli orientali, e in particolare i cinesi. In origine la marinatura non era solo un modo per rendere più profumata la carne, ma anche per consentire una conservazione più lunga della carne fresca, visto che i frigoriferi sono un’invenzione relativamente recente! Difatti le componenti acide del liquido di marinatura avevano la funzione di ritardare la proliferazione batterica.

Ma bando alle chiacchiere, e vediamo come realizzare una perfetta marinatura per preparare la carne al barbecue e alla griglia, ma in generale per altri tipi di cotture.

Innanzitutto è bene sapere che la carne marinerà molto meglio se le fette non saranno troppo spesse, e saranno quanto più possibile uniformi tra loro.

La marinatura perfetta contiene tre elementi essenziali: acidità, grasso, profumazione.

L’acidità potrebbe essere data da vari ingredienti: aceto di vino, aceto di mele, limone, succo di altri agrumi, succo di ananas, birra, senape.

La parte grassa serve ad “azionare” gli odori e i profumi che immergerete nella marinatura. Largo quindi a olio di ogni tipo, latte o burro fuso.

In ultimo, gli aromi. Dai chiodi di garofano a qualsiasi tipo di erba aromatica, sia fresca che secca, per non parlare delle spezie. E poi, il sale.

Adesso potete mescolare le componenti come più vi piace, scegliendo gli ingredienti che più si addicono al tipo di carne o di cottura scelta.

La carne dovrà marinare per alcune ore, meglio se in frigorifero (soprattutto d’estate).

Ecco invece come marinare il salmone

BUON APPETITO!


Come fare carciofi ripieni al forno

Come utilizzare le patate al meglio