Il Thanksgiving day è una delle feste più sentite in America. Volete assaggiare qualche piatto tipico? Ecco 5 ricette della cena del Ringraziamento da provare!

Gli americani ogni quarto giovedì di novembre celebrano il Thanksgiving day (o giorno del Ringraziamento), una festa – istituita da Lincoln nel 1863 – che è la quintessenza del patriottismo a stelle e strisce. Ci sono molte usanze e celebrazioni tipiche interessanti, ma la parte più interessante riguarda… la tavola! Siete curiosi di sapere quesi sono le ricette della cena del Ringraziamento?

Anche se in Italia non è una festa celebrata, non è detto che non possiamo ispirarci e creare deliziosi piatti d’ispirazione USA in occasione del Thanksgiving day!

Cena del Ringraziamento: ricette

Cosa prevede il tradizionale menù del Ringraziamento? Il piatto forte è ovviamente il tacchino ripieno, meglio se ricoperto con copiosa salsa gravy, che viene accompagnato da purè di patate e salsa ai mirtilli.

Non crederete mica di poter resistere alla “scarpetta”? Il pane quindi, è indispensabile: noi vi proponiamo il corn bread, o pane di mais. E per concludere in bellezza, il dolce: la pumpkin pie. Sentiamo già la pancia che brontola: iniziamo subito con il nostro menù della cena del Ringraziamento!

Tacchino del Ringraziamento

Tacchino ripieno del Ringraziamento
Tacchino ripieno del Ringraziamento

Iniziamo con il tacchino ripieno: la ricetta non è facile e nemmeno veloce – non possiamo mentire – ma con un po’ di pazienza riuscirete ad ottenere un risultato perfetto. Vediamo gli ingredienti necessari per una decina di persone:

  • 1 tacchino grande (5/6 kg)
  • 450 g di burro
  • 2 cucchiai di timo fresco tritato
  • 2 cucchiai di rosmarino fresco tritato
  • 2 cucchiai di salvia fresca tritata
  • 1/2 l di brodo di pollo
  • 1/2 l di vino bianco
  • sale e pepe q.b.
  • 1.5 kg di pane secco a cubetti
  • 500 g di castagne precotte
  • 4 cipolle piccole
  • 5 coste di sedano
  • salvia fresca tritata q.b.
  • 1.5 litri di brodo vegetale
  • 1 litro di brodo di tacchino
  • 30 g di farina

Preparate una crema con 80 g di burro, erbe aromatiche, sale e pepe e andate a distribuirla sopra e sotto alla pelle del volatile (già perfettamente pulito). A parte, dedicatevi al ripieno: fate cuocere le cipolle, il sedano e la salvia in 250 g di burro per circa 15 minuti. Poi, unite anche il brodo di tacchino, le castagne, il pane, e sale e pepe. Quando il liquido sarà un po’ evaporato, infornate a 180°C per 25 minuti.

Fate cuocere anche il tacchino in forno alla stessa temperatura, ma solo dopo avergli legato le zampe con lo spago da cucina. Irrorate con il brodo vegetale ogni 30 minuti. Dopo circa 3 ore tiratelo fuori dal forno a riposare per 20-30 minuti e farcitelo con il ripieno.

Non buttate via i succhi di cottura del tacchino: ci serviranno realizzare una salsina. L’accompagnamento perfetto per questo secondo di carne, infatti, è la salsa gravy: si realizza con brodo di carne (o succhi di cottura), burro e un farina ed è davvero gustosa. Se il tacchino dovesse risultare secco, la salsa salverà la cena; se invece è perfetto, aggiungerà cremosità!

Purea di patate

purea di patate
purea di patate

Le patate sono il contorno tipico della cena del Ringraziamento. Non possono davvero mai mancare, ma si possono presentare in diverse forme: dalle classiche patate (bianche, gialle o dolci) ridotte ad una crema vellutata dal sapore davvero avvolgente, alle croccanti patate cotte in forno.

Sembra, però, che gli americani abbiamo sorta di ossessione per quello che loro chiamano mashed potatoes (e che per noi è il purè di patate): deve essere cremosissimo, ricco, soffice e senza grumi. Noi vi proponiamo una ricetta facile ma “della festa”, quindi ricca di burro. Ecco gli ingredienti necessari:

  • 700 g di patate bianche
  • 1 l di latte
  • 150 g di burro
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • sale q.b.

Fate bollire le patate per circa 40 minuti (o fino a che non risulteranno morbide al tocco con una forchetta). Scolatele, spelatele finché sono calde e schiacciatele per bene. Aggiungete il composto in una pentola con il burro e unite a mestolate anche il latte caldo. Per concludere, aggiungete il formaggio e il sale.

Per rispettare la tradizione americana, portate la purea di patate in tavola ancora calda e con qualche ciuffetto di burro in cima!

Salsa ai mirtilli

salsa ai mirtilli rossi
salsa ai mirtilli rossi

La ricetta della salsa di mirtilli è di origine britannica ma è molto usata anche per il giorno del Ringraziamento americano (inoltre, si presta bene anche tra le ricette del Natale italiano!). Nella nostra versione, detta anche chutney, vi proponiamo un connubio di acidulo (dato dai mirtilli rossi), speziato (dato dal curry) e agrodolce (dovuto alla presenza di zucchero). Ecco gli ingredienti:

  • 1 kg di mirtilli rossi (anche surgelati)
  • 3 cucchiai di burro
  • 500 g di zucchero
  • 3 cucchiai di curry in polvere
  • 3 cucchiai succo di limone
  • sale q.b.

Come prima cosa, fate cuocere i mirtilli rossi nel burro fuso mescolando. Aggiungete anche gli altri ingredienti, abbassate il fuoco e proseguite la cottura per 10 minuti. Se non lo consumate subito, versatelo in vasetti sterilizzati, fate formare il sottovuoto capovolgendoli per 10 minuti e lasciateli infine raffreddare.

Gli americani amano tantissimo questa ricetta anche il giorno dopo, con gli avanzi. Loro, di solito, preparano dei sandwich con il tacchino avanzato e li arricchiscono questa salsa: aiuta a rendere i panini meno asciutti e indubbiamente conferisce un gusto più interessante.

Pane di mais (corn bread)

Corn bread
Corn bread

Leggero, sfizioso e un’ottima alternativa al pane classico: ecco la ricetta per preparare il pane di mais o corn bread, come lo chiamano gli americani. Pensate che questa pietanza era nota già ai nativi americani ed è rimasta quasi avariata da allora! Ecco gli ingredienti:

  • 150 g di farina 00
  • 150 g di farina di mais
  • 120 g di burro
  • 2 uova
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 200 g di yogurt bianco
  • 200 ml di latte
  • 1 cucchiaio di succo di limone

Se siete fan delle ricette che arrivano da oltreoceano, avrete già sentito parlare del latticello, un composto acido che da noi è molto difficile trovare già pronto. Noi, infatti, lo prepariamo unendo lo yogurt, il latte e il succo di limone e lasciando riposare per 20 minuti.

Mentre il latticello riposa, unite le uova sbattute allo zucchero e al burro fuso ben freddo. Aggiungete anche la farina 00, quella di mais, il sale, il bicarbonato, il lievito e mescolate. Come ultimo step aggiungete il latticello e amalgamate. Cuoce a 220°C: in 25-30 minuti avete il pane perfetto per la vostra cena del Ringraziamento!

Torta alla zucca (pumpkin pie)

Pumpkin pie
Pumpkin pie

Se l’autunno fosse un alimento sarebbe la zucca: non un caso se gli americani per la festa del Ringraziamento preparano proprio la pumpkin pie. Questo dolce è diverso dalla torta alla zucca a cui siamo abituati noi: composto da un guscio di frolla e un cremoso ripieno, ricorda più una crostata che una torta da colazione. Per velocizzare il tutto, partiamo con della frolla già pronta:

  • 500 g di purè di zucca cotta
  • 1 rotolo di pasta frolla
  • 170 g di zucchero di canna
  • 2 uova
  • 150 ml di panna da cucina
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 pizzico di noce moscata in polvere

In una terrina, mescolate la purea di zucca, le uova, lo zucchero, la panna e le spezie con un frullatore a immersione. Versate questa crema sulla frolla, già sistemata all’interno di una tortiera da circa 25 cm di diametro. Dopo circa 1 ora e 20 a 150°C potete sformarla e lasciarla raffreddare completamente. Per evitare che la superficie bruci, copritela con un foglio di alluminio in cottura.

Il ricettario d’autunno per piatti gustosi e profumati


Pudding di riso al the matcha con croccanti pistacchi e granola

Sarde in saor: un antipasto gustoso della tradizione veneziana