Come utilizzare fondi e scarti degli asparagi

Come fare un infuso vegan disintossicante

I fondi e gli scarti degli asparagi sono legnosi, ben poco invitanti: ma possiamo evitare di buttarli via, se sappiamo come utilizzarli.

Gli scarti degli asparagi, ovvero la parte terminale dei loro gambi, finiscono il loro ciclo nella busta dell’umido. Eppure, essi hanno tanto da offrire, in termini di gusto e di proprietà, e possiamo evitarci tranquillamente questo spreco. Anche perchè, c’è da dirlo, gli asparagi non sono proprio economici, per cui arrivare a buttare un terzo (se non di più) del loro peso, dispiace parecchio.

Ma quali sono i modi per utilizzare gli scarti degli asparagi? Vediamoli insieme.

Brodo

Dopo aver ben pulito con un pelaverdure le parti terminali degli asparagi, possiamo tagliarle a pezzetti e farle bollire, insieme ad altre verdure (o scarti di altre verdure) per preparare dell’ottimo brodo vegetale. Con questo brodo potremo preparare delle pastine calde per la sera, se è inverno, oppure degli squisiti risotti o mille altre preparazioni che prevedono l’uso di brodo, come ad esempio degli spezzatini di carne o degli involtini sempre di carne. Se volete avere il brodo sempre pronto, mixerate le verdure cotte, frullatele e versatele negli stampi dei cubetti per il ghiaccio.

Zuppe/Vellutate

Con i fondi degli asparagi ben puliti e scorticati potrete preparare davvero delle ottime zuppe, o meglio ancora delle vellutate. Basterà aggiungere patate, cipolle, porri o cipollotti per ottenere qualcosa di veramente gustoso, da frullare con il mixer e condire poi con olio evo, succo di zenzero o limone, o servire con crostini di pane o come fondino per cozze. Ottima anche come base per zuppe arricchite con yogurt greco.

Insalate miste o pasta fredda

Il segreto è cercare di tagliare i fondi degli asparagi in rondelle molto sottili, dopo averli spellati con un pelaverdure per eliminare la parte più coriacea. Possiamo quindi farli bollire fino a che non diventeranno molto teneri e poi utilizzarli per arricchire delle insalate oppure il condimento di paste fredde e/o insalate di riso.

Come riconoscere asparagi: ecco le diverse varietà

Non perderti le altre golose ricette di Primo Chef, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 30-06-2016

Caterina Saracino